Passeggiando a Salvator Rosa


| In città
Palazzo Costantino e la Chiesa di San Giuseppe dei Nudi
Decidi di uscire di casa e fare due passi a piedi, percorrendo strade alternative. Così si scoprono le bellezze artistiche di Napoli nascoste dai palazzi moderni e dall'urbanistica recente. E così ti avvii verso il centro storico, scendendo per via Salvator Rosa. All'altezza dell'incrocio con via Francesco Saverio Correra, la discesa del Cavone per gli autoctoni, si entra in un borgo dall'atmosfera intima e caratteristica, i cui vicoli digradano verso il piazzale del Museo Archeologico Nazionale. E le sorprese sono proprio qui.

Palazzo Costantino alla Costigliola



Il Palazzo Costantino è un palazzo monumentale di Napoli ubicato in via San Giuseppe dei Nudi. Risalente al 1739 il palazzo sorge in realtà su un precedente agglomerato urbano, ma solo nel 700 assume le forme con cui si presenta oggi agli occhi dei visitatori. Sito al di fuori delle mura, la costruzione di questo edificio ben commenta l'attività edilizia che pian piano, dal centro cittadino, si spostava sull'attuale salita di via Salvator Rosa, in direzione del quartiere collinare del Vomero che avrebbe conosciuto nei due secoli successivi un notevole fenomeno di urbanizzazione. Palazzo Costantino è un tipico esempio di architettura barocca napoletana e ricorda la struttura e le sembianze di Palazzo Trabucco, alle spalle di piazza Carità, nella Pignasecca.

Chiesa di San Giuseppe dei Nudi



Nelle vicinanze si trova la chiesa di San Giuseppe dei Nudi, una delle tante chiese monumentali di Napoli. Anche questa risale al periodo di costruzione di Palazzo Costantino, precisamente l'edificio ecclesiastico fu fondato nel 1785, dunque cinquanta anni dopo. Il tempio, ossia l'edificio originario, sarebbe poi stato completamente ristrutturato a fine 800. Tuttavia conserva preziosi elementi architettonici e decorativi tipici del settecento come i due altari laterali sovrastati dai dipinti dell'Adorazione dei Pastori di Girolamo Starace e quello di Santa Margherita da Cortona il cui autore è un artista ignoto del medesimo periodo. A rendere parrticolare la chiesa vi è il prezioso organo settecentesco in legno dorato, che è un po' l'orgoglio dell'edificio. Degno di nota tra le bellezze artistiche della struttura è il portale esterno di pregevole fattura.

foto: Silvana Berardelli, Konstantin Mitroshenko
  • Rimuovi pubblicità
  • Newsletter
  • Diventa socio
  • Carica il tuo evento
  • Rimuovi la pubblicità
    Accedi al sito con le tue credenziali per navigare senza!
  • Iscriviti alla newsletter
    per essere aggiornato sugli eventi in base ai tuoi interessi. Iscriviti
  • Diventa socio!
    I nostri soci accedono agli eventi a prezzi riservati.
    Scopri i vantaggi dei soci!
  • Il tuo evento qui
    Vuoi sapere come vendere i tuoi eventi sul nostro portale? Contattaci
  • Palazzo Venezia a Napoli
  •  A spasso nel tempo nei Quartieri Spagnoli
  • Una domenica a Taurasi
  • Isolotto di San Martino - Un frammento di Monte di Procida
  • Vedi Napoli dal mare e...
  • Palazzo Venezia a Napoli

    Palazzo Venezia, conosciuto anche come Palazzo Capone San Marco, inizialmente fu donato alla Serenissima Repubblica di Venezia, per farvi risiedere i consoli generali a Napoli. Palazzo Venezia aveva un'estensione dal convento di San Domenico fino ai terreni, su cui fu ricostruito il Palazzo Filomarino.
  • A spasso nel tempo nei Quartieri Spagnoli

    Il tradizionale fitto reticolato di vicoli e viuzze tra i quartieri Montecalvario e Avvocata è uno dei simboli di Napoli e della sua storia poichè fu edificato dagli spagnoli ed oggi è decorato dai murales e dai disegni di Ciop&Kaf.
  • Una domenica a Taurasi

    Una gita fuoriporta non troppo distante da Napoli nelle campagne di Taurasi tra le eccellenze enologiche campane e itinerari culturali. Un'ottima idea per un'escursione della domenica.
  • Isolotto di San Martino - Un frammento di Monte di Procida

    L'isolotto è costituito da un materiale tipico dei Campi Flegrei: la pozzolana, la cui estrazione ne ha causato una riduzione di ben 16 metri d’altezza. Se volete intraprendere una suggestiva escursione naturalistica, l'isolotto di San Martino è perfetto.
    Esso è un frammento del Monte di Procida staccatosi dalla terraferma sul finire del XV secolo, per via di un maremoto.
  • Vedi Napoli dal mare e...

    Prendere il mare è di per se operazione nostalgica, se poi ci si allontana da una città come Napoli, le emozioni sono destinate a straripare. E se tu fossi in mezzo al mare cosa riusciresti ad ammirare?

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.