Il teatro romano sotto vico Cinque Santi


| In città
  • vico cinque santi napoli

    vico cinque santi napoli

  • vico cinque santi napoli
Il teatro romano di Neapolis sotto Vico cinque Santi: la storia "inglobata"
Il Teatro romano di Neapolis recentemente scoperto nel sottosuolo del pittoresco vico Cinque Santi, nella zona dei decumani, ha attraversato diverse epoche e utilizzi.
Una passeggiata nello stretto vico Cinque Santi, nella zona compresa tra via Anticaglia, via San Paolo e vico Giganti, nella zona dei decumani e delle pizzerie.

Da teatro a discarica



Il teatro romano di Neapolis era scoperto, differentemente dal classico Odeion, e quel che ne rimane è la traccia di ristrutturazioni e rifacimenti avvenuti durante l'età flavia (I secolo) e nel II secolo. Nessuna testimonianza della struttura originaria che avrebbe addirittura accolto delle performances retoriche di Nerone. Con la caduta dell'Impero romano gli spettacoli teatrali perdono d'interesse e il teatro viene abbandonato, pare anche a causa di un'alluvione successiva. Durante il medioevo la situazione non cambia, anzi il teatro cambia destinazione d'uso e viene riutilizzato come piccola necropoli prima (700 d.C. circa) e come discarica poi. Tra il 1400 e il 1600 il vecchio teatro viene letteralmente inglobato da edifici costruiti proprio intorno e definitivamente ostacolato dall'apertura proprio di vico Cinque Santi, da cui oggi vi si può accedere.

Ingresso "caratteristico"



L'accesso al teatro greco-romano è una delle principali attrattive del sito
: si accede infatti da un pittoresco ingresso in un basso di vico Cinque Santi. Precisamente, bisogna attraversare una botola che conduce al teatro: questi sotterranei erano stati utilizzati dal proprietario del basso come cantina; la botola era sistemata proprio sotto al suo letto. "Purtroppo", la scoperta di laterizio aveva insospettito archeologi e dirigenti comunali che hanno così disposto l'esproprio e la nuova destinazione d'uso. L'ingresso alla cavea è invece in via San Paolo, il vicolo accanto alla pizzeria De Matteo: bisogna entrare in un'antica bottega all'interno di un cortile di un palazzo di origini quattrocentesche. Altre testimonianze della presenza del teatro si trovano in via Anticaglia dove sono visibili all'esterno due massicce arcate, anche queste inglobate dagli edifici esistenti.

  • Una domenica a Taurasi
  • Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei
  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo
  • Caserma Pastrengo, ex Convento di Monteoliveto
  • A spasso per Santa Lucia
  • Una domenica a Taurasi

    Una gita fuoriporta non troppo distante da Napoli nelle campagne di Taurasi tra le eccellenze enologiche campane e itinerari culturali. Un'ottima idea per un'escursione della domenica.
  • Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei

    Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei raccoglie e mostra i reperti tratti nella zona flegrea e nella sommersa città di Baia, un tempo strategico porto per gli antichi Romani
  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo

    Pasta, panuozzo e vino. Sembra il titolo di un documentario sulla città di Gragnano, ma non lo è. Tuttavia quei tre spadroneggiano nella cartolinistica della città ai piedi dei Monti Lattari.
  • Caserma Pastrengo, ex Convento di Monteoliveto

    Il maestoso Convento di Monteoliveto, in seguito alla Repubblica Partenopea, venne chiuso e destinato ad ospitare pubblici uffici. Era il 1860 quando la Caserma Pastrengo si insediò nel complesso conventuale cinquecentesco, che si apre su piazzetta Monteoliveto, nel cuore della città di Napoli.
  • A spasso per Santa Lucia

    La storia di Santa Lucia coincide con la storia di Napoli. Partenope fu fondata sul monte Echia dai Cumani, nell’ VIII secolo a.c., praticamente in cima a via Monte di Dio, una delle principali strade del quartiere

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.