Quello che non sai sulla Cappella del Tesoro


| In città
La Deputazione, il cancello in ottone e l'altare maggiore
Grazie al ritrovamento di alcune bolle pontificie, si è scoperto che la Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro non appartiene alla curia arcivescovile, bensì alla città di Napoli rappresentata dalla Deputazione, un'istituzione civica, e dagli antichi sedili partenopei.

Non tutti sanno che all'ingresso c’è scolpito lo stemma della città partenopea e che il cancello, capolavoro di Cosimo Fanzago, è sormontato da un busto bifronte di san Gennaro benedicente; inoltre, le colonnine verticali presenti nella parte bassa sono in grado di emettere vibranti note musicali, come se fossero le canne di uno xilofono, a sottolineare che la Cappella del Tesoro fosse stata costruita anche per celebrare la musica sacra. 
Sul medesimo cancello è ben leggibile un’iscrizione molto significativa dedicata al Santo: "A S. Gennaro, al cittadino salvatore della patria, Napoli salvata dalla fame, dalla guerra, dalla peste e dal fuoco del Vesuvio in virtù del suo sangue prodigioso", con allusione evidente al miracolo tanto atteso dai fedeli ogni anno.

Un’altra curiosità riguarda la lastra d’argento presente sulla parte esterna dell’altare maggiore, che ritrae l’arcivescovo di Napoli, Alessandro Carafa, in sella ad un cavallo; egli porta con sé la cassetta delle reliquie di S. Gennaro, seguito da un corteo di prelati e cavalieri. Ad accogliere l’arrivo delle reliquie ci sono la Sirena Partenope e il fiume Sebeto, entrambi simboli della città di Napoli. Infine, l’eresia Protestante di Lutero viene calpestata dallo zoccolo di un cavallo, per indicare la definitiva vittoria della Controriforma sul Protestantesimo.

Alle spalle dell’altare maggiore sono custodite le reliquie di S. Gennaro, comprendenti la teca con le ampolle e il busto d’argento dorato, donato da Re Carlo II d’Angiò. Il busto medievale ubicato nella zona retrostante è opera di orafi provenzali; pensate che nella calotta della testa sono conservate le ossa del Santo.
Insomma un luogo ricco di tesori nascosti, ma adesso saprete bene dove scovarli.
  • Rimuovi pubblicità
  • Newsletter
  • Diventa socio
  • Carica il tuo evento
  • Rimuovi la pubblicità
    Accedi al sito con le tue credenziali per navigare senza!
  • Iscriviti alla newsletter
    per essere aggiornato sugli eventi in base ai tuoi interessi. Iscriviti
  • Diventa socio!
    I nostri soci accedono agli eventi a prezzi riservati.
    Scopri i vantaggi dei soci!
  • Il tuo evento qui
    Vuoi sapere come vendere i tuoi eventi sul nostro portale? Contattaci
  • La quadreria della Reggia di Caserta, un piccolo tesoro
  • Dal Vomero al Corso per le scale del Petraio
  • Villa Pignatelli
  • Aperitivo a Piazza Bellini
  • Soccavo Vecchia a Napoli
  • La quadreria della Reggia di Caserta, un piccolo tesoro

    La quadreria borbonica composta opere dal XVI al XIX secolo e custodita nella Reggia di Caserta, è aperta al pubblico dal 2011.
  • Dal Vomero al Corso per le scale del Petraio

    Una fantastica passeggiata in discesa che consigliamo perfino ai più poltroni, tra gradini in pietra e meravigliose ville che convivono con i tradizionali bassi: un luogo magico al centro della città ma isolato dal caos metropolitano.
  • Villa Pignatelli

    Questa famiglia rese Villa Pignatelli un prestigioso luogo d'incontro di regnanti e aristocratici di tutta Europa. I Pignatelli la mantennero fino al 1955, quando fu ceduta allo stato italiano dalla principessa Rosina Pignatelli: così divenne sede di un museo, l'attuale museo Diego Aragona Pignatelli Cortes. All'interno vi è l'importantissima pinacoteca e altre collezioni del Banco di Napoli.
  • Aperitivo a Piazza Bellini

    Piazza Bellini è divenuta sempre più la sede della movida del centro storico di Napoli. La piazza è frequentatissima dalle generazioni più giovani che si incontrano qui dopo lavoro per un aperitivo in centro storico.
  • Soccavo Vecchia a Napoli

    Soccavo era tra i casali di Napoli nel XIII secolo, durante la dominazione sveva, e fu parte integrante del territorio agricolo di pertinenza di "Neapolis", sia nella fase di occupazione greca che dopo la conquista da parte dei romani.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.