Il cimitero delle fontanelle


| In città
  • Teschi delle anime pezzentelle - Cimitero delle Fontanelle - Napoli

    Teschi delle anime pezzentelle - Cimitero delle Fontanelle - Napoli

  • Teschi delle anime pezzentelle - Cimitero delle Fontanelle - Napoli
La grande cava di tufo dove riposano i defunti più poveri
Il Cimitero delle Fontanelle, un luogo tra magia, esoterismo e tradizione che racconta misteri e stranezze di Napoli attraverso culti pagani non consentiti dalla Chiesa e la pietà delle abitanti della zona che nel tempo si sono prese cura dei più sfortunati.
Le cavità tufacee della nostra città cullano ricordi e segreti della Napoli che fu. E così, da una semplice porticina si accede a un tunnel che ci porta sotto, in luoghi inesplorati fino a un decennio fa, e conosciuti solo da chi ci abitava accanto e forse da qualcuno a Palazzo San Giacomo. Questi cunicoli tortuosi risalgono a tantissimi anni fa e sono stati sviluppati nel corso dei secoli per servire esigenze strategiche legate al trasporto/fuga della famiglia reale di turno. E sono stati riutilizzati come ricoveri anti-bombardamento durante la seconda guerra mondiale. Questi passaggi percorrono le arterie principali della città e mettono in comunicazione zone superficialmente distanti, con sorprendente rapidità ed efficenza. E girando di qua e di là ci si imbatte in rirovamenti dal gusto esoterico, figli di culti pagani che la Chiesa ha abbondantemente sconfessato: il cimitero delle fontanelle e le anime pezzentelle sono uno straordinario esempio di queste "impertinenze". Il sito, che si trova nel quartiere Sanità, risale al XVI secolo: in questo periodo Napoli fu sconvolta da rivolte popolari, carestie, terremoti e addirittura cinque eruzioni del Vesuvio. I cadaveri delle vittime che non potevano permettersi degna sepoltura venivano qui raccolti: all'interno delle cave di tufo, che fino all'Ottocento hanno fornito i materiali da costruzione per palazzi e ville di tutta la città e che oggi sono adibite ad usi più disparati. Il cimitero rimase poi abbandonato fino al 1872, quando il parroco della chiesa di Materdei, con l'aiuto di donne del popolo, riordinò le ossa nello stato in cui ancora oggi si vedono e preservano, seppur tutte anonime, ad eccezione di due scheletri: quello di Filippo Carafa Conte di Maddaloni e di Donna Margherita Petrucci; entrambi riposano in bare protette da vetri.

Oggi, il cimitero, dopo vari riutilizzi (le cavità partenopeee hanno funzionato anche come deposito per mezzi e merci sequestrate) è un insolita meta turistica per napoletani e non, grazie al macabro fascino che evoca tra intrighi, miracoli e culti sotterranei.

  • Il Maschio Angioino
  • PAN - Palazzo delle Arti di Napoli
  • Insolito tour fotografico a Napoli
  • Passeggiando a Procida
  • Il Maschio Angioino

    Il Maschio Angioino non fu il primo castello edificato a Napoli poiché preceduto da Castel Capuano e dal celebre Castel dell'Ovo. Per questo chiamato Castel Nuovo, oggi il Maschio Angioino rappresenta una delle più frequenti cartoline della città di Napoli.
  • PAN - Palazzo delle Arti di Napoli

    Il Pan ha sede nel settecentesco Palazzo Roccella in via dei Mille, nel quartiere Chiaia a Napoli.
  • I più bei panorami di napoli

    Dal Vomero al lungomare una bella passeggiata per scoprire gli angoli migliori da dove scattare una foto, o semplicemente dove vivere un momento di pace e relax
  • Insolito tour fotografico a Napoli

    Un fantastico tour fotografico per le strade di Napoli che lascia davvero senza parole: colori, sapori e volti di una città capace di farsi amare sempre e nonostante tutto
  • Passeggiando a Procida

    Con i suoi circa 10mila abitanti per una superficie di 3,7 km², l'isola di Procida è la più piccola dell'arcipelago flegreo, che comprende le vicine Vivara, Ischia e Capri. L'attuale nome dell'isola deriva da quello di epoca romana Prochyta.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.