Il Sentiero degli Dei


| Fuori Porta
  • sentiero degli dei

    sentiero degli dei

  • sentiero degli dei
Una bellezza paesaggistica a dir poco paradisiaca
Da Agerola a Nocelle il Sentiero degli dei regala emozioni irripetibili e irrinunciabili per chi ama la natura, i suoi colori e le emozioni che il paesaggio della costiera riesce a regalare anche agli occhi più distratti.
Il Sentiero degli Dei collega il paesino di Agerola, sulle alture che sovrastano la Costiera Amalfitana, a Nocelle, una frazione di Positano che si trova alle pendici del Monte Pertuso. Il modo migliore per intraprendere il Sentiero è sicuramente quello di iniziare da Agerola (località Bomerano) per godersi tutta la spettacolarità del percorso dal quale si gode di una straordinaria vista della Costiera Amalfitana e di Capri.

Iniziando da Agerola poi, il vantaggio è quello di percorrere il sentiero in leggera discesa. Dettaglio da non trascurare, soprattutto d'Estate. E se non potete iniziare da Agerola potrete muovere i primi passi sul sentiero da Praiano, immediatamente successivo a Positano in direzione Amalfi: bisogna però affrontare una lunga scalinata che vi condurrà dal livello del mare a un'altezza di 580 metri, prima di giungere al passo di Colle Serra. Il percorso è contrassegnato da segnali in bianco e rosso con la scritta 02.

Il salire e discendere ha un punto di forza, che vale gli sforzi fatti finora: infatti il paesaggio cambia rapidamente da una vegetazione di arbusti ed erba, dove spesso si vedono ovini al pascolo, alla tipica macchia mediterranea. Le continue salite e discese vi metteranno di fronte a emozionanti spettacoli della natura, tra panorami da vertigine e suggestive immersioni della costa nel mare.

Giunti a Nocelle potete decidere se scendere con l'autobus oppure a piedi per i 1500 gradini che vi porteranno fino ad Arienzo, da dove, seguendo altri 300 gradini si arriva alla spiaggia di Arienzo per un bel bagno rinfrescante, dopo le divine fatiche del sentiero. Arienzo dista da Positano solo un chilometro.

Leggi anche:

Valle delle Ferriere - Trekking in costiera

Il Parco Regionale dei Monti Lattari

I principali parchi di Napoli

Da Adolfo a Laurito

  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo
  •  A spasso nel tempo nei Quartieri Spagnoli
  • I Gradoni di Chiaia
  • L’incendio del campanile del Carmine
  • Ravello, la città della musica
  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo

    Pasta, panuozzo e vino. Sembra il titolo di un documentario sulla città di Gragnano, ma non lo è. Tuttavia quei tre spadroneggiano nella cartolinistica della città ai piedi dei Monti Lattari.
  • A spasso nel tempo nei Quartieri Spagnoli

    Il tradizionale fitto reticolato di vicoli e viuzze tra i quartieri Montecalvario e Avvocata è uno dei simboli di Napoli e della sua storia poichè fu edificato dagli spagnoli ed oggi è decorato dai murales e dai disegni di Ciop&Kaf.
  • I Gradoni di Chiaia

    Gli odierni Gradoni di Chiaia costituiscono in realtà una salita che porta da via Chiaia ai Quartieri Spagnoli e infine al corso Vittorio Emanuele.
  • L’incendio del campanile del Carmine

    Oggi agli occhi distratti di un passante è un enorme parcheggio, ma Piazza del Carmine è stata molto di più. A ridosso dell’antico porto, piazza del mercato, il suo basolato in pietra di piperno ha impresso in sé la storia di centinaia di anni.
  • Ravello, la città della musica

    Ravello è stata chiamata la città della musica, perché è sede del Ravello Festival e del suggestivo Auditorium Oscar Niemeyer.
    Decretata Patrimonio dell’Umanità dall'Unesco, oggi rappresenta una delle più celebri mete italiane del turismo internazionale per gli appassionati di bellezze architettoniche, e soprattutto, un autentico luogo dell’anima per gli intellettuali e gli appassionati dell’arte e della cultura.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.