Le torri saracene, un bagno al...sicuro!


| Fuori Porta
  • torri-saracene

    torri-saracene

  • torri-saracene
Nate per la sorveglianza militare, le torri sorgono lungo la costa tirrenica
Le "torri saracene" sono dislocate lungo la costa della Campania e del Sud Italia e risalgono a tempi antichi, quando il mar mediterraneo era minacciato dalle scorribande di pirati saraceni e dei corsari che imperversavano in cerca di ricchezze.
Le torri saracene fungono oggi da riferimento per i bagnanti che si godono la straordinaria bellezza del nostro mare e delle nostre coste. I primi a pensare ad un sistema permanente e completo di difesa e di segnalazione con fumo e fuochi dall'alto delle torri poste su promontori, furono gli Angioini.

Per comprendere l'importanza assunta dalle torri basti ricordare che nel 1480 nessun preavviso giunse alle orecchie e agli occhi degli abitanti di Otranto (in provincia di Lecce): la città subì infatti una delle più accanite e violente incursioni saracene della storia. Dal golfo di Napoli fino a Sapri, ultimo comune della Campania, le torri sono davvero innumerevoli e talvolta corrispondono a importanti fortezze, castelli e altri monumenti come il Castello Aragonese di Baia, il Castello di Gaeta o quello di Ischia. Tra loro è addirittura annoverato il Castel dell'Ovo.

Non si tratta delle "torri saracene" più famose, bensì di strutture occorse con medesime funzionalità e necessità. Più specificamente, per vedere le torri saracene che accompagnano le coste campane, bisogna spostarsi un po' e recarsi in località come Punta Campanella, Massa Lubrense, Vietri, Velia fino al Cilento meridionale: Camerota, Palinuro, la Costa della Masseta nel golfo di Policastro fino alle insenature che precedono Maratea. Ma abbiamo sconfinato, siamo già in Basilicata, in provincia di Potenza.

Buon bagno!

Leggi anche:

Castello Aragonese di Baia

Castel Sant'Elmo, la fortezza degli eventi

Il Maschio Angioino

Un tuffo ai Francesi

  • Palazzo Zevallos Stigliano
  • Perchè si chiama Pignasecca?
  • Circolo Nazionale dell'Unione
  • Metro Napoli Tour
  •  Napoli, il tunnel borbonico ed i suoi mille volti
  • Palazzo Zevallos Stigliano

    Palazzo Zevallos Stigliano è un palazzo monumentale di Napoli, situato lungo via Toledo. Il palazzo ospita l’omonima galleria museale, che fa parte del più ampio progetto delle Gallerie d’Italia, di proprietà del Gruppo Intesa San Paolo.
  • Perchè si chiama Pignasecca?

    Chi scendesse alla fermata Montesanto della Linea 2 o al capolinea delle tratte EAV, non potrebbe fare a meno di imbattersi nel pittoresco mercatino della Pignasecca.
  • Circolo Nazionale dell'Unione

    Il Circolo Nazionale dell’Unione fu fondato nel 1861, quando fu proclamata l’Unità d’Italia; l’edificio venne eretto a Napoli da Carlo Poerio, patriota e politico, per ospitare re Vittorio Emanuele II.
  • Metro Napoli Tour

    Da Piscinola a Garibaldi: tutto quello che puoi fare e vedere a Napoli usando solo la metropolitana e le ormai famose stazioni dell'arte
  • Napoli, il tunnel borbonico ed i suoi mille volti

    La storia di una città attraverso i suoi luoghi più nascosti e finalmente riaperti: le sue origini e la sua storia sepolta nel Tunnel Borbonico, ribattezzato Galleria Borbonica. Il Tunnel Borbonico è oggi sede di percorsi culturali e visite guidate.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.