Reggia di Carditello - Reale delizia


| Fuori Porta
  • Reggia di Carditello

    Reggia di Carditello

  • Reggia di Carditello
Un maestoso complesso architettonico neoclassico
La Reale tenuta di Carditello, meglio nota come Reggia di Carditello, è una grande magione ubicata a circa 4 km da San Tammaro, al confine tra Napoli e Caserta. Bisogna percorrere una strada provinciale, un pò isolata ma molto suggestiva, circondata da un grande giardino, nel cui centro si scorge in lontananza l'imponente opera architettonica, contraddistinta da un elegante stile neoclassico.

Storicamente appartenuto ai Borbone delle Due Sicilie, il territorio assunse il nome di Carditello, perché circondato da piante di cardo, così tante da formare una barriera naturale, che impediva il passaggio sia a piedi che a cavallo. Un ostacolo significativo se si pensa che il fabbricato fu costruito dall'architetto Francesco Collecini (allievo di Luigi Vanvitelli), con lo scopo principale di praticare la caccia e allevare i cavalli.

Successivamente la Reggia venne trasformata per volere di Ferdinando IV di Borbone in una fattoria-modello adibita alla coltivazione del grano e all'allevamento di razze pregiate di cavalli, ma anche di bovini. Non a caso essa era conosciuta come “Reale Delizia", proprio perché offriva una piacevole permanenza al re e alla sua corte, che organizzavano ricchi banchetti, consumando carni di prima scelta. Dal 2014 la Reggia è passata in gestione al Polo museale della Campania e nel 2016 è stata costituita la Fondazione Real Sito di Carditello dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, dalla Regione Campania e dal Comune di San Tammaro quali Soci fondatori, ottenendo il riconoscimento giuridico.

Si possono ammirare al suo interno affreschi e fregi di rilievo, per lo più raffiguranti scene campestri con protagonista la famiglia reale.
All'interno dell’edificio si dipartono a destra e a sinistra due scale che portano al piano nobile, con decorazioni che si richiamano all'arte venatoria.
Dallo stesso piano nobile il re, la famiglia e i dignitari potevano comodamente seguire le funzioni, celebrate nella Cappella sottostante, con cupola e pareti interamente affrescate.
Una vera opera d'arte che andrebbe maggiormente valorizzata, così da attirare flussi di turisti da tutto il mondo.

  • Reggia di Caserta, il palazzo reale più grande del mondo
  • Villa Pignatelli
  • Metro Napoli Tour
  • Statua del Dio Nilo (il Corpo di Napoli)
  • Teatro Diana
  • Reggia di Caserta, il palazzo reale più grande del mondo

    Di più: è il simbolo del neonato Regno di Napoli voluto da Carlo di Borbone per manifestare la grandezza e le aspirazioni del suo governo. 
  • Villa Pignatelli

    Questa famiglia rese Villa Pignatelli un prestigioso luogo d'incontro di regnanti e aristocratici di tutta Europa. I Pignatelli la mantennero fino al 1955, quando fu ceduta allo stato italiano dalla principessa Rosina Pignatelli: così divenne sede di un museo, l'attuale museo Diego Aragona Pignatelli Cortes. All'interno vi è l'importantissima pinacoteca e altre collezioni del Banco di Napoli.
  • Metro Napoli Tour

    Da Piscinola a Garibaldi: tutto quello che puoi fare e vedere a Napoli usando solo la metropolitana e le ormai famose stazioni dell'arte
  • Statua del Dio Nilo (il Corpo di Napoli)

    La scultura marmorea (II - III Sec. d.C.) che raffigura il Dio Nilo, in città è meglio nota come “il Corpo di Napoli, ed è la testimonianza dei rapporti passati con l’Antico Egitto, infatti nella piazza omonima si stabilì fin dalla prima età imperiale una comunità di mercanti e marinai egiziani.
  • Teatro Diana

    Il teatro Diana è una delle più importanti sale teatrali del quartiere collinare, insieme al Teatro Cilea e al teatro Acacia.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.