Boscoreale: Scavi archeologici e Antiquarium


| Fuori Porta
  • Tesoro di Boscoreale

    Tesoro di Boscoreale

  • Boscoreale Villa Regina
Un sobborgo antico ricco di tesori da scoprire
Boscoreale è famosa soprattutto per la produzione di vino ed olio ed era sede di ville rustiche romane. Tra di esse ad oggi è visitabile solo Villa Regina, il cui cortile scoperto, delimitato da un ampio porticato, ospita una cella vinaria con ben 18 dolii.

Essa è una villa risalente al I secolo a.C., delimitata da un portico, in cui sono stati ritrovati un antico carro da trasporto, il calco di un torchio, una vasca per la premitura dell'uva e un contenitore dove raccogliere il mosto, un granaio ed una cisterna per l'acqua. Ma tanto tempo fa c’erano anche altre ville, purtroppo adesso sepolte: la Villa della Pisanella, la Villa di Publio Fannio Sinistore e le Ville di Boscotrecase e Terzigno.

Da tali ville sono stati estratti dei reperti, raccolti poi nell’Antiquarium, ancora oggi visitabile e si trova a pochi passi da Villa Regina.
L’Antiquarium di Boscoreale consente di conoscere il territorio vesuviano prima che avvenisse l'eruzione del Vesuvio del ‘79, con reperti della flora e fauna del luogo, della vita agricola e degli usi e costumi quotidiani degli abitanti.
Il percorso museale si sviluppa in un corridoio, nel quale sono esposte illustrazioni raffiguranti l'evoluzione nel corso degli anni del bosco e della palude formata dal fiume Sarno, e in due sale: la prima dedicata alla flora e alla fauna, alla cosmesi, all'allevamento, all'agricoltura e alla medicina, mentre la seconda raccoglie reperti provenienti per la maggior parte dalle ville di Boscoreale ma anche da degli altri siti vesuviani.

Famoso è il Tesoro di Boscoreale: un insieme di 108 pezzi di oreficeria, soprattutto in argento, del I secolo d.C., rinvenuto nel 1895 negli scavi della Villa romana della Pisanella. Attualmente il tesoro viene conservato presso il Museo del Louvre di Parigi; ma alcune opere appartenenti a Villa Regina sono custodite anche nel Metropolitan Museum of Art di New York e nel Museo Archeologico di Napoli, a sottolinearne il prestigio e il grande valore attribuito. Il tesoro comprende un servizio da tavola quasi completo, tre specchi in argento, più alcuni monili d'oro e venne rinvenuto nella zona che ospitava il torchio per la spremitura dell'uva.

  • Passeggiando a Napoli, la città del dio Mithra
  • Ippodromo di Agnano, 70 anni al trotto!
  • Villa Jovis, a Capri la capitale di Tiberio
  • Via Toledo, una passeggiata in centro
  • Palazzo Cellamare
  • Passeggiando a Napoli, la città del dio Mithra

    Scavando nei cunicoli e nelle cavità di quell'immenso labirinto che è la città greco-romana, gli archeologi hanno rinvenuto tracce del culto pagano del dio Mithra.
  • Ippodromo di Agnano, 70 anni al trotto!

    Sono passati tre quarti di secolo i cavalli da quando il cavaliere Raffaele Ruggiero donò il lago di Agnano al Comune perché vi costruisse un ippodromo per ospitare le corse di purosangue.
  • Villa Jovis, a Capri la capitale di Tiberio

    Villa Jovis è stata la dimora dell'imperatore Tiberio, nonché il palazzo da cui Tiberio governò l’intero mondo civilizzato durante i suoi 11 anni di governo.
  • Via Toledo, una passeggiata in centro

    Via Toledo ospita numerosi ed importanti Palazzi monumentali, come Palazzo Stigliano o il moderno edificio del Banco di Napoli. Ma anche tanti caffè, bistrot e negozi per lo shopping.
  • Palazzo Cellamare

    Il palazzo Cellamare, noto anche come palazzo Francavilla, è un antico e maestoso palazzo nobiliare, ubicato nel quartiere San Ferdinando a Napoli. La fondazione del palazzo risale al XVI secolo, costruito per la volontà dell'abate di Sant'Angelo di Atella Giovanni Francesco Carafa.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.