Villa Floridiana e Museo Duca di Martina


| In città
  • Villa Floridiana
Sulla collina del Vomero tra via Cimarosa e via Aniello Falcone
Aperta tutti giorni dalla mattina a un'ora prima del tramonto, offre una splendida vista sul golfo di Napoli. La villa risale alla prima metà del XVIII secolo, e nel 1816 Ferdinando I di Borbone la acquistò per regalarla come residenza di villeggiatura alla moglie morganatica, Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia, da cui il nome di Floridiana.

All'architetto toscano Niccolini fu affidato il compito di riadattare in stile neoclassico la preesistente costruzione, e di ampliare i giardini con più di 150 specie vegetali: questo specifico lavoro fu seguito da Friedrich Dehnhardt, all'epoca direttore dell'Orto Botanico di Napoli.
Al termine dei lavori nel 1819, il complesso comprendeva due ville (Villa Floridia e Villa Lucia, e separate da un vallone), un teatrino all'aperto, un tempietto circolare a colonne doriche e cupola, finte rovine, fontane, statue e serre, tutto in stile neoclassico.

Acquistata dallo stato nel 1919, divenne dal 1931 la sede delle esposizioni delle più grandi e antiche collezioni di arti decorative europee e orientali (oltre 6000 pezzi), donate dal duca di Martina alla città di Napoli. Oggi il parco è il luogo preferito dai vomeresi per rifugiarsi e allontanarsi dal caos cittadino: ideale per una passeggiata domenicale, o per portarci i bambini, ospita sempre più frequentemente grandi eventi culturali, come spettacoli, rassegne teatrali, musicali e tante altre iniziative di richiamo.

Il Museo Duca di Martina nella Villa Floridiana di Napoli, è sede dal 1931 di una delle maggiori collezioni italiane di arti decorative. Comprende oltre 6000 opere di manifattura occidentale ed orientale ( XII al XIX secolo), il cui nucleo più cospicuo è costituito dalle ceramiche. La raccolta, che dà il nome al Museo, è stata costituita nella seconda metà dell’Ottocento, da Placido de Sangro, duca di Martina e donata nel 1911 alla città di Napoli.

  • Museo di Capodimonte: le collezioni
  • Il Parco Regionale dei Monti Lattari
  • Salita Miradois ed Osservatorio: una passeggiata a Napoli
  • Le meraviglie del Suor Orsola Benincasa
  • Il Parco del Poggio ai Colli Aminei
  • Museo di Capodimonte: le collezioni

    Nel Museo di Capodimonte, ben sei sono le sezioni che ospitano dipinti, sculture e oggetti che testimoniano il patrimonio culturale di Napoli tra eredità dal mondo occidentale e imprevedibili influenze e sorprendenti contatti col mondo orientale.
  • Il Parco Regionale dei Monti Lattari

    Un'area che copre le province di Napoli e Salerno per circa 160 kmq abbracciando l’intera penisola sorrentino-amalfitana. Quattro diversi itinerari per escursioni nella fauna e nella flora di una natura incontaminata.
  • Salita Miradois ed Osservatorio: una passeggiata a Napoli

    Vecchie stradine, ripide salite e panorami mozzafiato sono le piacevoli sorprese di una passeggiata nei luoghi più nascosti di Napoli.
  • Le meraviglie del Suor Orsola Benincasa

    Il Suor Orsola Benincasa è un'accademia semiprivata di Napoli specializzata nelle scienze umane, con sede nel complesso monastico istituito da Suor Orsola Benincasa. Qui proponiamo un percorso molto suggestivo attraverso i vari ambienti monumentali che compongono questo antico polo universitario.
  • Il Parco del Poggio ai Colli Aminei

    Sul versante che guarda al mare si estende il Parco del Poggio con i suoi giardini a terrazza e un fantastico panorama su Napoli

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.