Una gita agli Scavi di Ercolano e dintorni


| Fuori Porta
  • Scavi di Ercolano

    Scavi di Ercolano

  • Scavi di Ercolano
La città famosa nel mondo per gli scavi archeologici della città romana
Gli scavi di Ercolano insieme a quelli di Pompei e Oplontis, sono Patrimoni dell'umanità riconosciuti dell'UNESCO e attirano milioni di turisti ogni anno. La leggenda vuole che Ercolano sia stata fondata da Ercole.

Gli Scavi di Ercolano

Prima che vi si insediassero i Romani, Ercolano è stata abitata prima dai Sanniti, provenienti dall'entroterra campano, poi dai Greci, dagli Etruschi, fino alla conquista dei Romani, la cui preponderante presenza è oggi testimoniata dall'eccezionale stato di conservazione dei resti recuperati durante gli scavi. Come Pompei ed Oplontis, Ercolano è stata coperta dal materiale vulcanico con l'eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Dopo questa data la città scomparve perchè sepolta da ventitre metri di materiale accumulato. Da quella data, la città non è mai esistita. Fu riportata alla luce solo tra 700 e 800 con gli scavi condotti dai Borbone e poi proseguiti nel 900. Perchè bisogna assolutamente visitarli? Perchè gli scavi di Ercolano consentono una chiara ricostruzione della città e della sua vita sociale, tanto che insieme a Pompei, è il sito che offre il più nitido commento sulla vita al tempo dei Romani. I resti indicano chiaramente le strade, l'urbanistica, la tipologia e la distribuzione delle case (come quelle con affaccio sul mare), le terme, la palestra e la monumentale Basilica. Dunque, il perfetto stato di conservazione di molti elementi ha consentito di tracciare con sufficiente precisione lo stato dell'edilizia residenziale, e quindi la vita quotidiana e la qualità della vita.

Resina, il Miglio d'Oro e il cratere

Non solo scavi - Lungo il tratto del Corso Resina che dagli Scavi archeologici giunge a Torre del Greco si trovano le splendide ville del XVIII secolo: il tratto fa parte del cosiddetto "Miglio d'Oro". E, sempre da Ercolano, parte la strada che conduce al Gran Cono del Vesuvio per la visita al cratere. E c'è dell'altro: agli appassionati di moda, vintage e usato, consigliamo un salto al mercato di Resina, l'antico nome di Ercolano, dove puoi trovarci outfits vintage di ogni derivazione. Il parka per esempio, lo compri qua!

Come raggiungere Ercolano

In treno
Linea: Napoli Centrale - Paestum - Portici - Ercolano

Circumvesuviana
Linea Napoli - Sorrento - Ercolano Scavi
Linea: Napoli - Poggiomarino - Ercolano Scavi
Linea: Napoli - Poggiomarino - Portici - Via Libertà

  • Napoli vista dal...Basso!
  • La farmacia degli Incurabili, Illuminismo Napoletano
  • Torre Palasciano a Capodimonte
  • 5 scorciatoie che ti risolvono la vita a Napoli
  • Caserma Pastrengo, ex Convento di Monteoliveto
  • Napoli vista dal...Basso!

    I bassi sono le piccole abitazioni a livello della strada tanto frequenti nei vicoli e viuzze dei quartieri antichi di Napoli, dai Vergini e la Sanità ai Quartieri Spagnoli e a qualche nuovo rione popolare. 
  • La farmacia degli Incurabili, Illuminismo Napoletano

    Annessa all’Ospedale degli Incurabili, la settecentesca farmacia all'interno dell'omonimo presidio ospedaliero del centro storico di Napoli, risale al 1700, quando fu progettata per sostituire l’antica spezieria cinquecentesca. 
  • Torre Palasciano a Capodimonte

    A Napoli, c’è una torre che ricorda molto alcuni edifici del rinascimento toscano, la cosiddetta Torre del Palasciano, fatta costruire dall’ufficiale medico Ferdinando Palasciano.
  • 5 scorciatoie che ti risolvono la vita a Napoli

    Sebbene la città di Napoli sia sempre più collegata dalla metro, gran parte dei napoletani preferisce muoversi in auto. Il rischio è quello di rimanere imbottigliati nel traffico. Se non vuoi cedere a crisi di nervi da traffico, leggi la preziosa guida sulle scorciatoie che potrebbero risolvere i tuoi affanni!
  • Caserma Pastrengo, ex Convento di Monteoliveto

    Il maestoso Convento di Monteoliveto, in seguito alla Repubblica Partenopea, venne chiuso e destinato ad ospitare pubblici uffici. Era il 1860 quando la Caserma Pastrengo si insediò nel complesso conventuale cinquecentesco, che si apre su piazzetta Monteoliveto, nel cuore della città di Napoli.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.