Una giornata alle Terme a Napoli


| Fuori Porta
Una giornata di relax alle terme? Ecco alcuni suggerimenti:
Gli antichi si accorsero subito della ricchezza sopra e sotto quella che poi avrebbero chiamato "Campania Felix". E non ci riferiamo solo al clima mite favorevole all'agricoltura, ma anche alle risorse termali a Napoli, Campi Flegrei e Ischia
Sebbene le antiche Terme di Baia non siano più in funzione e sopravvivano come attrazione archeologica, la disponibilità di strutture termali non manca certo in zona. E l'interesse del pubblico del resto non è mai calato, soprattutto per i benefici influssi del bagno. Ed oggi, questi veri e propri parchi, ospitano rassegne, appuntamenti e spettacoli coinvolgendo non solo gli acciaccati. Ecco I principali luoghi dove potrete curare il corpo e divertirvi in compagnia.

Le Terme di Agnano

Si trovano ad Agnano, zona Campi Flegrei, oltre il quartiere di Fuorigrotta. Vi si trovano i resti delle prime strutture termali, risalenti all'epoca greca. I resti che vediamo, tuttavia, sono della più recente epoca romana. Le sorgenti sulfuree sono sempre esistite e l'interesse per le acque benefiche del luogo fu riscoperto solo a fine ottocento, per poi stabilirsi negli anni 20 del novecento, vero periodo d'oro per le Terme di Agnano che conobbero la vera fortuna, tanto da essere considerate un vero e proprio modello ideale di complesso termale. Il design dell'epoca seguiva le forme Liberty, oggi inesistenti perchè cancellate negli anni sessanta in favore di un, pare brutto, albergo. Solamente l'ingresso fu risparmiato, conservando l'entrata classica. L'ultima ristrutturazione è datata 13 luglio 2011: furono infatti realizzate le piscine esterne. Il lavoro di restauro che ha accompagnato quelli di realizzazione ex-novo, hanno fatto emergere le antiche terme romane e altri resti archeologici. In Estate il parco termale ospita eventi e appuntamenti d'intrattenimento, come Cafè Thermal ogni domenica.

Stufe di Nerone

Il parco termale si trova oltre Agnano, a ridosso del lago di Lucrino, nella splendida cornice dei Campi Flegrei. Il parco termale delle Stufe di Nerone dispone di circa 20/25 sorgenti termali calde e fredde che formano due caratteristici laghetti molto differenti l'uno dall'altro per aspetto e composizione delle acque. Gli spazi verdi sono molto ampi e accolgono una vegetazione molto varia e tipica della zona. Così potrete rilassarvi su un comodo lettino in giardino tra un bagno e l'altro. Tra le varie vi segnaliamo l'area solarium dedicata all'elioterapia, dove potrete accomodarvi sul morbido prato inglese con zone d'ombra ottenute mediante grandi palme ed altri alberi come il mirto, il melograno, il pepe nero, il sambuco...Due le tipologie di piscine termali, all'aperto e al chiuso: la piscina termale all'aperto è dotata di acqua termale salso-bromo-iodica con temperatura di 35°C, la piscina semi-olimpionica (25m x 10m) consente di nuotare all'esterno anche durante la stagione invernale, godendo del suggestivo e benefico effetto dei vapori termali. Insomma la tintarella la puoi fare anche in una bella giornata di dicembre. La piscina termale interna, invece, è dotata di una grande vasca di acqua termale (40°C).

Le terme di Ischia

Ischia è l'isola termale per antonomasia. Di natura vulcanica, Ischia è tra i maggiori centri termali d' Europa. Le acque termali ischitane sono alcaline, contengono zolfo, iodio, cloro, ferro, elementi potassici e microelementi di sostanze attive. A seconda della loro composizione, sono un rimedio curativo per numerose patologie, quali reumatismi, artrosi, nevralgie, fratture, strappi muscolari, disturbi femminili, malattie dell'apparato respiratorio e malattie cutanee. Diverse le fonti e le sorgenti sulfuree. Vi segnaliamo in modo particolare il complesso termale Negombo, che durante l'anno ospita eventi, spettacoli e concerti, oltre alla quotidiana attività termale, e il complesso termale Aphrodite-Apollo.

Leggi anche:

Una domenica a Miseno

Passeggiando a Procida

Il Museo Archeologico dei Campi Flegrei



  • Palazzo Doria D'Angri e i misteri dell'Unità d'Italia
  • Bagno Elena
  • Quando Napoli aveva la borsa
  • Misticismo partenopeo: cimitero delle 366 fosse
  • La strada più stretta di Napoli
  • Palazzo Doria D'Angri e i misteri dell'Unità d'Italia

    Situato lungo via Toledo il palazzo ospitò Giuseppe Garibaldi che dal suo balcone il 7 settembre 1860 annunciò l'annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno d'Italia. Con l'aiuto di Salvatore De Crescenzo e della Sangiovannara.
  • Bagno Elena

    Bagno Elena è uno degli stabilimenti balneari più frequentati a Napoli durante i caldi mesi estivi
  • Quando Napoli aveva la borsa

    Subito dopo l’occupazione e annessione del Regno di Napoli al Regno d’Italia, il luogotenente Cialdini commissionò la costruzione del Palazzo della Borsa nella omonima piazza (oggi piazza Bovio).
  • Misticismo partenopeo: cimitero delle 366 fosse

    Napoletani e non, è difficile non conoscere, almeno per sentito dire, il cimitero delle Fontanelle. Ma pochissimi sono i napoletani che sanno di un altro cimitero, altrettanto particolare, per non dire unico nel suo genere: il Cimitero delle 366 Fosse.
  • La strada più stretta di Napoli

    Una passeggiata "minimalista" nel fitto groviglio dei vicoli del centro. Probabilmente è questa la strada più stretta di Napoli.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.