Reggia di Caserta, il palazzo reale più grande del mondo


| Fuori Porta
  • Scalone della Reggia di caserta

    Scalone della Reggia di caserta

  • teatro di corte della Reggia di Caserta
Il simbolo di un’epoca che celebra Napoli come capitale europea
Di più: è il simbolo del neonato Regno di Napoli voluto da Carlo di Borbone per manifestare la grandezza e le aspirazioni del suo governo. 

Storia della Reggia

Caserta fu preferita a Napoli per ragioni di sicurezza e difendibilità, e fu subito amata dal nuovo re che ordinò l’edificazione dell’acquedotto, da allora detto “carolino” e ancora oggi visibile, che serviva tutta la zona circostante, compreso l’annesso complesso villaggio di San Leucio dove poi nasceranno le famose seterie. Maestosa e solenne, in grado di rivaleggiare con quella di Versaille e per alcuni anche più bella, la Reggia di Caserta è anche considerata l’ultima grande opera del barocco italiano.

Fu costruita nell’entroterra casertano ad opera del già famoso architetto Luigi Vanvitelli, legatissimo alla corte napoletana e apprezzato anche presso la Santa Sede che gli commissionò diverse opere in tutto il territorio che allora si estendeva fino alle attuali Marche ed Emilia Romagna.

Oltre alla Reggia di Caserta, suo autentico capolavoro, di particolare rilievo sono i suoi interventi nella città di Ancona, ad esempio, dove si dedicò ad importanti opere di ingegneria pubblica e marittima, primo fra tutti il Lazzaretto (o mole vanvitelliana) a forma pentagonale pensata con lo scopo di frangiflutti.

La Reggia di Caserta fu completata nel 1845, ma già abitata dal 1780, nelle sue 1200 stanze ospita, tra gli altri, affreschi di Girolamo Starace-Franchis (Le quattro Stagioni e La reggia di Apollo), dipinti di Domenico Mondo (sala degli Alabardieri), bassorilievi di Gaetano Salomone, Paolo Persico e Tommaso Bucciano.

Il confronto con Versaille

Assolutamente da non perdere per il visitatore della Reggia di Caserta, la grande Cappella Palatina, ispirata a quella di Versaille e il Teatro di Corte, caratteristico nella sua pianta a ferro di cavallo e che conserva tutt’oggi i rivestimenti in azzurro, colore della Real casa Borbone di Napoli.

L’ingresso monumentale della Reggia di Caserta costituito vestibolo ottagonale si apre il magnifico scalone reale a doppia rampa, largo quasi 20 metri e di 117 gradini, è un autentico capolavoro di architettura tardo barocca fu pensato per impressionare i visitatori e fugare i dubbi sul progetto amministrativo del neonato Regno.

Tesoro prezioso della Reggia di Caserta, sono le nove sale che custodiscono la preziosa quadreria, dove sarete portati in una carrellata di dipinti che attraversano 3 secoli di arte pittorica e la maestosa sala del trono, oltre ai magnifici giardini e fontane.

Come arrivare alla Reggia di Caserta:

In auto: Palazzo Reale, Viale Douhet, 2/a – Caserta
In treno: stazione Caserta | in auto: Autostrada A1, uscita Caserta Nord, proseguire sulla SS7 fino alla Reggia

Orari di apertura:

08.30-19.30, chiusura biglietteria 18.45. Ultimo ingresso ore 19:00.

  • Campi Flegrei, il Vulcano più grande d'Europa
  • Monastero dei Santi Severino e Sossio
  • Isola di Nisida - storia e mito
  • Oasi del Bosco Croce
  • Metro Napoli Tour
  • Campi Flegrei, il Vulcano più grande d'Europa

    Il collegamento dei Campi Flegrei con Napoli avveniva attraverso la cosiddetta “Crypta Neapolitana”, una galleria scavata nella roccia di tufo in epoca romana, al cui ingresso c’è un colombario di epoca imperiale, identificato come la tomba del poeta Virgilio.  I Campi Flegrei sono una vasta area situata nel Golfo di Pozzuoli, a nord-ovest di Napoli, caratterizzata sempre da una vivace attività vulcanica.
  • Monastero dei Santi Severino e Sossio

    Sul lato orientale della Chiesa dei Santi Severino e Sossio vi è il Monastero, tra i più grandi della città di Napoli. Oltre l’originaria chiesa inferiore, è possibile ammirare tre chiostri monumentali, composti da circa 300 sale, ospitanti una istituzione importantissima: l'Archivio di Stato di Napoli.
  • Isola di Nisida - storia e mito

    Nisida emerge dal mare solo per 1/6 della sua estensione originale. Ha una superficie di circa 30 ettari, una circonferenza di 2 Km e un'altezza massima di 109 metri sul livello del mare.
    Il filosofo e scrittore Benedetto Croce in “Storie e leggende napoletane” descriveva perfettamente l’isola di Nisida.
  • Oasi del Bosco Croce

    L'Oasi del Bosco Croce si trova ad Albori, una frazione di Vietri sul mare nel salernitano. Nel 2000 la figlia di Benedetto Croce, a cui è dedicato il nome di questo posto incantevole, ha ceduto la proprietà al WWF.
  • Metro Napoli Tour

    Da Piscinola a Garibaldi: tutto quello che puoi fare e vedere a Napoli usando solo la metropolitana e le ormai famose stazioni dell'arte

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.