La testa del cavallo di Virgilio Mago


| Leggende e tradizione
  • Virgilio Mago

    Virgilio Mago

  • Testa bronzea di cavallo
La leggenda della testa del cavallo bronzeo di Donatello
È una delle statue intorno alle quali gravitano più leggende: si tratta della testa bronzea di cavallo, attribuita ufficialmente a Donatello, custodita per secoli nel Palazzo Diomede Carafa e in seguito trasferita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Secondo la leggenda essa apparteneva al corpo di un cavallo di bronzo scolpito da Virgilio Mago, che si trovava in una piazza dalle parti del duomo e aveva il potere di guarire gli animali. Ciò emerge anche dal racconto popolare di Matilde Serao: “quando un morbo fierissimo invase la razza dei cavalli, Virgilio fece fondere un grande cavallo di bronzo, gli trasfuse il suo magico potere e ogni cavallo condotto a fare tre giri, intorno a quello di bronzo, era immancabilmente guarito”.

Purtroppo, nel 1332, alcuni maniscalchi distrussero la statua per fonderla e costruire le campane del Duomo: del cavallo di bronzo di Virgilio, fu risparmiata solo la testa e pare che quando le campane suonano essa emetta dei nitriti. Un'altra copia della testa (un calco in bronzo) è visibile nella stazione della metropolitana Museo, preannunciando l'opera originale custodita nel Museo Archeologico Nazionale.

Voi conoscevate questa leggenda?

  • Un tuffo ai Francesi
  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo
  • Statua del Dio Nilo (il Corpo di Napoli)
  • Vesuvio - Il dinamico riposo del vulcano
  •  Ottocento. Le collezioni di Capodimonte
  • Un tuffo ai Francesi

    Un tempo oasi naturista e oggi scenario incantevole per i vacanzieri abituali e i turisti in cerca di eccellenze locali, la spiaggia dei Francesi (o del Marcellino) è un approdo per veri intenditori delle vacanze
  • Gragnano: città della pasta, del vino e del panuozzo

    Pasta, panuozzo e vino. Sembra il titolo di un documentario sulla città di Gragnano, ma non lo è. Tuttavia quei tre spadroneggiano nella cartolinistica della città ai piedi dei Monti Lattari.
  • Statua del Dio Nilo (il Corpo di Napoli)

    La scultura marmorea (II - III Sec. d.C.) che raffigura il Dio Nilo, in città è meglio nota come “il Corpo di Napoli, ed è la testimonianza dei rapporti passati con l’Antico Egitto, infatti nella piazza omonima si stabilì fin dalla prima età imperiale una comunità di mercanti e marinai egiziani.
  • Vesuvio - Il dinamico riposo del vulcano

    Dopo la grande esplosione del 1979, il vulcano ha avuto altre innumerevoli manifestazioni effusive o esplosive, a seconda della tipologia di eruzione; senza contare alcune di dubbia natura. Eppure alle pendici del Vesuvio vivono tantissime persone, che ogni giorno rischiano la vita, in quanto Il Vesuvio è in uno stato di calma apparente e momentanea, con rischio di risveglio improvviso.
  • Ottocento. Le collezioni di Capodimonte

    Il progetto Ottocento a Capodimonte è stato ideato e realizzato dalla Soprintendenza Speciale per il patrimonio storico, artistico, etno-antropologico e per il Polo museale della città di Napoli. Fiore all'occhiello della città. 

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.