Ecco dove nacquero Eduardo e Peppino De Filippo


| Leggende e tradizione
  • Il palazzo dove hanno abitato

    Il palazzo dove hanno abitato

  • Eduardo, Titina e Peppino de Filippo
Svelati gli indirizzi delle case dove nacquero i due fratelli Eduardo e Peppino
I due grandi artisti della risata insieme a Totò, hanno però riso poco insieme a causa del conflittuale rapporto fatto di incomprensioni e difficoltà. In due diverse residenze del quartiere di Chiaia nacquero i due fratelli: Eduardo in via Vittoria Colonna, Peppino in via Bausan. La ricerca è stata condotta da Antonio De Maria, settantenne residente a Chiaia da qualche generazione. Le case natali di Eduardo e Peppino De Filippo sono indicate nel registro dei battezzati, nella Chiesa dell’Ascensione a Chiaia. Precisamente a pagina 294, dove vi sono riportati i battezzati della parrocchia di Chiaia dal 1898 al 1908: "in data 27 Agosto 1903 è stato battezzato un bambino nato da Luisa De Filippo e da padre incognito in data 23 Agosto 1903 in Vico Ascensione n. 12 al quale sono stati imposti i nomi di Giuseppe, Luca, Gennaro".

Di Eduardo si legge invece che è nato il 28 maggio 1900 in via Vittoria Colonna 5. Questi indirizzi oggi non esistono più, a causa dei mutamenti urbanistici e ridefinizioni toponomastiche, giungendo a noi come via Bausan 28/O (dove è nato Peppino) e via Vittoria Colonna 14 (dove è nato Eduardo). Il risultato è sorprendente perché tradisce i dati ottenuti dalle biografie dei due artisti: Eduardo sarebbe nato, sebbene la ricostruzione non abbia mai ricevuto consistenti conferme, in via Bausan 13, come suggerisce la biografia di Federico Frascani. O poco distante, in via Ascensione numero 3, come si legge nell’autobiografia di Peppino. Si tratta in ogni caso di indirizzi molto vicini tra loro, può starci.

Del resto sorgeva in via Vittoria Colonna numero 4 il palazzo Scarpetta, dove abitava Eduardo Scarpetta, padre naturale di Eduardo e Peppino.

Perfino il Comune di Napoli ha creduto vere notizie che non lo sono mai state: nel giugno 2014 è stata infatti apposta una targa celebrativa per Peppino De Filippo in via Ascensione 8. fonte: repubblica

  • Passeggiata virtuale nel Castello del Carmine
  • Oasi del Bosco Camerine
  • Palazzo Carafa Maddaloni
  • Palazzo Doria D'Angri e i misteri dell'Unità d'Italia
  • Teatro San Carlo di Napoli
  • Passeggiata virtuale nel Castello del Carmine

    Del Castello del Carmine oggi rimangono poche tracce. E' tuttavia possibile conoscerne l'antica struttura grazie alla ricostruzione virtuale.
  • Oasi del Bosco Camerine

    L'Oasi del Bosco Camerine si trova nel Comune di Albanella, in provincia di Salerno. Essa si estende per circa 100 ettari ed è un luogo ricco di specie rare e posti incontaminati.
  • Palazzo Carafa Maddaloni

    Palazzo Carafa Maddaloni è l'edificio che occupa un intero isolato tra via Toledo e via Sant'Anna dei Lombardi. Gravemente danneggiato dal terremoto del 1980, Palazzo Carafa Maddaloni è uno straordinario esempio di architettura barocca napoletana.
  • Palazzo Doria D'Angri e i misteri dell'Unità d'Italia

    Situato lungo via Toledo il palazzo ospitò Giuseppe Garibaldi che dal suo balcone il 7 settembre 1860 annunciò l'annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno d'Italia. Con l'aiuto di Salvatore De Crescenzo e della Sangiovannara.
  • Teatro San Carlo di Napoli

    Non siamo certo noi ad attribuire al Teatro San Carlo questo primato (anche se non possiamo che concordare, ovviamente). Bensì già Stendhal così lo descriveva: "Non c'è nulla, in tutta Europa, che non dico si avvicini a questo teatro, ma ne dia la più pallida idea”.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.