L'antico mestiere dell'Acquafrescaio


| Leggende e tradizione
  • Acquafrescaio

    Acquafrescaio

  • Acquafrescaio
Vendere l'acqua fresca non è mai stato così facile
L’acquafrescaio (o acquajuolo) è uno dei mestieri più antichi del capoluogo partenopeo. Chi svolgeva tale professione era solito vendere acqua fresca e limonate agli angoli delle strade e di solito disponeva di un carretto, con cui girava per le strade di Napoli.

Altri più fortunati si stabilizzavano, aprendo un vero e proprio chiosco, ornato con erbe e limoni, un abbellimento caratteristico anche delle cosiddette “banche dell’acqua”. I tipi di acqua che si potevano comprare dall’acquafrescaio erano di diverso tipo: l’acqua addirosa o profumata; l’acqua annevata o ghiacciata; l’acqua appanata, in cui veniva inserito il pane abbrustolito per preparare gustose polpette; l’acqua chiuveticce o piovana per lavare i panni; l'acqua ‘e ciumme o di fiume; l’acqua ‘e mare o marina, venduta ai pescivendoli per tenere in vita il pesce appena pescato; l’acqua ‘e Serine, cioè proveniente dalle sorgenti del Serino; l’acqua ‘e Telese o di Telese; l’acqua ferrata, ricca di sali di ferro; l’acqua morta o di stagno; l’acqua suffregna o sulfurea, che sgorgava dalla sorgente di via Chiatamone e da quella nei pressi della Chiesa di Santa Maria della Catena.

Con il passare del tempo i chioschi sono diminuiti e dei pochi rimasti, alcuni si sono ampliati aumentando addirittura la vendita dei prodotti, tutti a base di acqua. Passeggiando per il centro storico è possibile trovarne alcuni che ancora mantengono le insegne antiche, che li contraddistinguono, rendendoli facilmente individuabili.

  • Spaccanapoli, una via, millenni di storia
  •  La Certosa di San Martino
  • Una domenica a Taurasi
  • La sedia della fertilità
  • Zoo di Napoli, il mondo degli animali
  • Spaccanapoli, una via, millenni di storia

    Se prendete la funicolare e arrivate a San Martino, c’è un panorama che vi attirerà e del quale faticherete a non innamorarvi. Un’ampia veduta sul golfo di Napoli, il porto, il Vesuvio sullo sfondo e ai vostri piedi... una città divisa di due!
  • La Certosa di San Martino

    Insieme alla Reale cappella del Tesoro di San Gennaro, la Certosa di San Martino è uno straordinario esempio di Barocco Napoletano.
  • Una domenica a Taurasi

    Una gita fuoriporta non troppo distante da Napoli nelle campagne di Taurasi tra le eccellenze enologiche campane e itinerari culturali. Un'ottima idea per un'escursione della domenica.
  • La sedia della fertilità

    Napoli, si sa, è la città dalle mille credenze e dei mille riti sacri e pagani, così, pur essendo nell'era delle scienze razionali e della medicina iperspecializzata, c'è ancora chi preferisce affidarsi alla divina provvidenza: la sedia della fertilità!
  • Zoo di Napoli, il mondo degli animali

    Chi ama gli animali a Napoli ha un posto speciale dove andare: lo Zoo di Napoli.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.