Le Graffe napoletane


| Gastronomia
  • Graffe napoletane

    Graffe napoletane

  • Graffe napoletane
Le graffe napoletane: una specialità della cucina partenopea!
Quando si avvicina il periodo di Carnevale,ed anche in altre occasioni speciali, come la festa del papà, a Napoli cominciano tutti a preparare le graffe fritte. Nonostante l’indiscusso primato che detiene Napoli nella realizzazione di tale leccornia il dolce non ha radici campane bensì tedesche. Il termine krapfen, da cui deriva l’italiano “graffa”, risalirebbe alla fine del XVII secolo circa ed è associabile ad una pasticcera della Germania Centrale chiamata Cecilia Krapf.

Il termine graffa potrebbe derivare anche dal longobardo krapfo (krappa in gotico), ovvero uncino, forma da cui sarebbe poi derivata quella tonda attuale. Come è giunta in Italia meridionale la graffa? È molto probabile che nel '700 circa, a causa della dominazione austriaca della penisola, essa sia giunta nella versione originale per poi assumere le caratteristiche proprie del dolce che oggi è tanto apprezzato nella nostra città.

Le graffe napoletane sono soffici ciambelle a base di farina e patate, e una volta cotte vengono decorate con lo zucchero. Nella città partenopea, questi dolci si trovano tutto l’anno e vengono serviti di solito insieme ad un bel caffè bollente; si possono consumare a colazione, a merenda o per chiudere in bellezza la cena. Prepararle è davvero semplice e il risultato delizierà il palato vostro e di chi vorrà assaggiarle.

Per l’impasto scegliete patate farinose a pasta gialla o bianca, evitate invece quelle troppo acquose. La lievitazione avviene in quattro momenti diversi, di due ore circa ciascuno; il rispetto di questi tempi è fondamentale per ottenere la consistenza soffice finale delle ciambelle.
L’ideale sarebbe poi friggere al massimo 2-3 graffe alla volta, in modo da non abbassare eccessivamente la temperatura dell’olio compromettendo la cottura.
Si potrebbe provare ad arricchire lo zucchero semolato con la cannella o con i semi di una bacca di vaniglia, aggiungendo così un tocco di originalità alla ricetta tradizionale.

  • Le Terme di Agnano
  • Fondo Aosta della Biblioteca Nazionale
  • Villa Doria d'Angri, la più bella villa neoclassica
  • Circolo Nazionale dell'Unione
  • Grotta dello Smeraldo, cortine dalle forme bizzarre
  • Le Terme di Agnano

    Le Terme di Agnano si trovano tra Napoli e la zona flegrea e rappresentano il riferimento partenopeo per il benessere ed il relax
  • Fondo Aosta della Biblioteca Nazionale

    Il Fondo Aosta, donato alla Biblioteca Nazionale di Napoli nel 1947 dalla duchessa Elena d'Orleans, esprime chiaramente le correnti letterarie, politiche, culturali che si sono susseguite tra il XIX-XX secolo in tutta Europa. 
  • Villa Doria d'Angri, la più bella villa neoclassica

    A Posillipo tra la fine del 1700 e per tutta la durata del secolo successivo si ebbe un fiorire di ville panoramiche sul mare, la più importante delle quali è Villa Doria d’Angri.
  • Circolo Nazionale dell'Unione

    Il Circolo Nazionale dell’Unione fu fondato nel 1861, quando fu proclamata l’Unità d’Italia; l’edificio venne eretto a Napoli da Carlo Poerio, patriota e politico, per ospitare re Vittorio Emanuele II.
  • Grotta dello Smeraldo, cortine dalle forme bizzarre

    La Grotta dello Smeraldo è una cavità carsica parzialmente invasa dal mare situata nel territorio del comune di Conca dei Marini, lungo la Costiera amalfitana. Questa grotta è stata scoperta dal pescatore Luigi Buonocore nel 1932; egli portava con vanto la fascia di “Scopritore della Grotta dello Smeraldo”.
    L'ingresso della Grotta dello Smeraldo è anonimo ma, dopo poco tempo, si paleserà un intenso fascio di luce che il mare riflette, riproducendo le sfumature dai colori più sublimi: blu cobalto, turchese, fino a divenire verde smeraldo.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.