A Napoli la domenica è ragù


| Gastronomia
  • Ragù napoletano

    Ragù napoletano

  • Ragù napoletano
La domenica partenopea ideale è quella del Ragù! 
Passeggiando la domenica tra i vicoli di Napoli si viene puntualmente inebriati da un profumo appetitoso, che lega in un connubio armonico la carne e la salsa di pomodoro. "O' rraù", come si dice in dialetto, re della tavola ogni domenica, rappresenta il rito che da generazioni e generazioni unisce la famiglia attorno al tavolo, in un giorno in cui proprio non vuoi far nulla se non stare seduto tutto il tempo necessario per gustarti l'essenza del pranzo domenicale.

L'origine è riportata addirittura al 1300, quando Maria di Valois preparò all'imperatore di Costantinopoli un piatto di maccheroni, che per magia divennero rossi. Quel misterioso condimento aveva un profumo ed un sapore sublime, tanto che l'imperatore lo chiamò con lo steso nome di suo figlio: raù.

Qualcuno penserà erroneamente che il ragù è carne e pomodoro, ma non è così: la ricetta, che appartiene e viene custodita gelosamente da ogni famiglia napoletana, si tramanda da madre in figlia e rappresenta "l'oro rosso" della cucina partenopea e pertanto non è così semplice da preparare. Innanzi tutto il ragù richiede molto tempo, deve "pippiare" per ore e ore per raggiungere la giusta consistenza, perciò è consigliabile cominciare a prepararlo il sabato sera per la domenica. La pentola che si dovrebbe usare per la cottura è un tegame di creta largo e basso e per rimestarlo occorre la "cucchiarella" di legno.

Tra i tanti tipi di carne utilizzati essenziali sono le "tracchiulelle" che, con il concentrato di pomodoro, ne danno il sapore inconfondibile. "L'annecchia, la locena, pettola e' spalla, la punta di natica" poi...ma cosa saranno mai?

Solo mamma' lo può sapere!

  • Real Orto Botanico
  • L'albergo dell'arte, il salone del palazzo Riario Sforza
  • Vivara, dall'età del bronzo al Guinnes dei primati
  • Cosa si nasconde sotto via Cisterna dell’olio?
  • Reggia di Caserta, il palazzo reale più grande del mondo
  • Real Orto Botanico

    Con ben 25mila esemplari di 10mila specie diverse di vegetali, provenienti da ogni parte del mondo, l' Orto Botanico è molto frequentato da studenti, esperti del settore e da chiunque desideri un po' di relax. Le aree in cui le piante sono disposte seguono un preciso criterio ecologico: il deserto, la spiaggia, la torbiera, la roccaglia, la macchia mediterranea e le vasche per le piante acquatiche.
  • L'albergo dell'arte, il salone del palazzo Riario Sforza

    Nel cuore del centro storico di Napoli, al secondo piano di via San Giovanni Maggiore Pignatelli, pochi passi da Spaccanapoli e piazza del Gesù si trova Palazzo Riario Sforza, vero gioiello prezioso nascosto in piena vista.
  • Vivara, dall'età del bronzo al Guinnes dei primati

    L’origine del nome inconsueto è dibattuta. Pare che derivi dal latino vivarium, cioè «luogo in cui vivono animali». Meno di mezzo km quadrato e un perimetro di circa 3 km a forma di mezzaluna, Vivara è sotto la giurisdizione del Comune di Procida.
  • Cosa si nasconde sotto via Cisterna dell’olio?

    Il nome dà una vaga idea dell’origine di questa strada del centro, ma solo in pochi conoscono la sua derivazione.
  • Reggia di Caserta, il palazzo reale più grande del mondo

    Di più: è il simbolo del neonato Regno di Napoli voluto da Carlo di Borbone per manifestare la grandezza e le aspirazioni del suo governo. 

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.