Benino il pastore dormiente del presepe


| Leggende e tradizione
  • benino pastore presepe

    benino pastore presepe

  • benino pastore presepe
"E gli angeli diedero l’annunzio ai pastori dormienti"
Più che la rappresentazione della Natività, il presepe napoletano si caratterizza come grande allegoria sociale e religiosa. E si arricchisce di storie sepolte e segrete. Come quella del pastore dormiente Benino (o Benito). Tutti lo conoscono, nessuno se lo fa mancare sul presepe eppure non tutti sanno che esiste una leggenda che lo vede protagonista. A dirla tutta, Benino non è poi un gran fedele: vive la sua vita senza particolari affanni, a messa ci va quando gli pare, fa l’elemosina per mettere a posto la coscienza, per poi tornare all'esistenza disinteressata di prima. La premessa era doverosa, passiamo alla leggenda: Benino è li che dorme spensierato, solitamente sul prato, accanto o al di sopra della capanna di Giuseppe e Maria. La leggenda vuole che nessuno lo svegli, che interrompa il suo "sonno": il sonno di Benino va oltre la fisiologica necessità del corpo di riposarsi. E' un sonno "spirituale": una condizione dello spirito di estrema sensibilità e tensione, uno stato, diverso da quello della quotidianità. E qui cascano gli angeli (nel senso letterale della parola): “E gli angeli diedero l’annunzio ai pastori dormienti”, suggeriscono le Sacre Scritture. Allora, al pari del sonno che semplice sonno non è, il risveglio di Benino e dei pastorelli dormienti è molto più di un semplice risveglio, è "rinascita". Un avvento, dunque, che investe tutta l'umanità credente. E se Benino è il pastore del sonno e del risveglio, il suo alter ego è il pastore delle meraviglie. Anche qui la meraviglia è legata alla Nascita e segna il punto di svolta per il pastore, figlio del Signore, che si ridesta e allontana cinismo e indifferenza, in favore dell'amore e della verità.

  • Biblioteca Nazionale di Napoli, una boccata di Cultura
  • La chiesa del Nilo, il Donatello che non ti aspetti
  • Funivia del Faito - Esperienza ad alta quota
  • Pompei, una gita nella Storia sepolta
  • Napoli Ebraica, 2000 anni di storia
  • Biblioteca Nazionale di Napoli, una boccata di Cultura

    La Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli si trova nel Palazzo Reale, in piazza del Plebiscito.
    La Biblioteca Nazionale di Napoli vanta un patrimonio tra volumi a stampa, opuscoli e manoscritti, che la vede terza tra le biblioteche italiane, dopo quelle di Roma e Firenze.
  • La chiesa del Nilo, il Donatello che non ti aspetti

    La chiesa di Sant’Angelo a Nilo si trova Piazzetta Nilo, quella porzione di strada che si allarga all’incrocio di due delle più popolose vie napoletane, via Mezzocannone e la cosiddetta Spaccanapoli. Pochi si aspettano all'interno un'opera di Donatello.
  • Funivia del Faito - Esperienza ad alta quota

    La funivia del Faito è un impianto funiviario che collega la città di Castellammare di Stabia con il monte Faito, da cui prende il nome.
    Essa entra in funzione prevalentemente nel periodo estivo, per evitare incidenti dovuti a pessime condizioni meteorologiche, che provocherebbero un’eccessiva instabilità alla struttura.
  • Pompei, una gita nella Storia sepolta

    Nel 1997 l'UNESCO ha dichiarato Pompei "Patrimonio Mondiale dell'Umanità". Questo risultato è stato raggiunto grazie agli straordinari reperti delle città di Pompei, Ercolano e delle città limitrofe, che furono sepolte dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.C.
  • Napoli Ebraica, 2000 anni di storia

    Napoli è per sua naturale vocazione una città ospitale. Passeggiare per i suoi vicoli da il senso della storia che ha coinvolto anche le giudecche, gli antichi quartieri dove risiedevano gli ebrei in città.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.