Frittata di maccheroni - La merenda per eccellenza


| Gastronomia
  • Frittata di spaghetti

    Frittata di spaghetti

  • Frittata di maccheroni
Frittata di maccheroni: specialità gastronomica napoletana!
Nata come ricetta per riutilizzare la pasta avanzata,la frittata di maccheroni è diventata un piatto a sè, coniugando economia e fantasia. La frittata di pasta, chiamata a Napoli frittata 'e maccaruni, si può portare come pranzo in occasione di una bella scampagnata oppure quando si trascorre una giornata al mare.

Adatte a tutti i gusti ed a tutte le tasche, esistono numerose varianti: bianca o rossa, con spaghetti o con vermicelli o ancora con bucatini; però tutti usano, oltre alla pasta, alcuni ingredienti essenziali: uova, burro, formaggio e tanto pepe. Se non avete pasta da riciclare si può anche partire da zero e se si preferisce la versione bianca sarà sufficiente eliminare la passata di pomodoro e aggiungere all'uovo un po’ di latte, così da garantire morbidezza.

Non mescolare alle uova la pasta troppo calda, perché potrebbero iniziare a coagulare prima di essere messe in padella, compromettendo la compattezza del risultato finale. Se non avete pasta avanzata e dovete partire da zero meglio scegliere i bucatini perché la loro composizione aggiungerà leggerezza e morbidezza alla frittata; inoltre, si può aggiungere del pecorino romano, in tal caso il sale dovrà essere di meno per non rendere la frittata troppo saporita.

Per personalizzare la frittata è possibile aggiungere salame e scamorza, tagliandoli a fettine sottili e aggiungendoli al centro come ripieno; in questo caso si metterà in padella prima una metà della pasta, quindi si aggiungerà il ripieno e si ricoprirà con il resto della pasta, ottenendo una frittata a strati.
La frittata di pasta gustata fredda è buona, anzi, ottima, pure se l’avete preparata con un giorno di anticipo, e guai a chi dice il contrario!
Quindi non vi resta che assaporare questa delizia! Buon appetito!

  • A spasso per Santa Lucia
  • Spaccanapoli, una via, millenni di storia
  • Le 9 Porte più antiche di Napoli
  • Sorrento, storia e tradizioni
  • Palazzo Cellamare
  • A spasso per Santa Lucia

    La storia di Santa Lucia coincide con la storia di Napoli. Partenope fu fondata sul monte Echia dai Cumani, nell’ VIII secolo a.c., praticamente in cima a via Monte di Dio, una delle principali strade del quartiere
  • Spaccanapoli, una via, millenni di storia

    Se prendete la funicolare e arrivate a San Martino, c’è un panorama che vi attirerà e del quale faticherete a non innamorarvi. Un’ampia veduta sul golfo di Napoli, il porto, il Vesuvio sullo sfondo e ai vostri piedi... una città divisa di due!
  • Le 9 Porte più antiche di Napoli

    Tra le porte più importanti del capoluogo partenopeo ci sono: Porta di Costantinopoli, Porta Capuana, Porta Carbonara, Porta del Carmine, Porta Medina, Porta Nolana, Port’Alba, Porta San Gennaro e Porta del Santo Spirito.
  • Sorrento, storia e tradizioni

    Sorrento fa da sfondo a molte canzoni, prima fra tutte Torna a Surriento, che fu composta dai fratelli De Curtis in onore della Zarina che soggiornava al Grand Hotel Imperial Tramontano; molti pensarono che fosse dedicata alla visita dello statista Giuseppe Zanardelli, il quale di ritorno da una gita mattutina a Capri, sentì suonare sulla terrazza dell'hotel tale canzone.
  • Palazzo Cellamare

    Il palazzo Cellamare, noto anche come palazzo Francavilla, è un antico e maestoso palazzo nobiliare, ubicato nel quartiere San Ferdinando a Napoli. La fondazione del palazzo risale al XVI secolo, costruito per la volontà dell'abate di Sant'Angelo di Atella Giovanni Francesco Carafa.

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.