Gran Caffè Gambrinus


| Ristorazione
Storico caffè letterario con arredi in stile liberty
Membro dell’Associazione Culturale Locali Storici d’Italia, salotto letterario partenopeo, celebre galleria d’arte, animatore della cultura cittadina, questi i tratti che contraddistinguono il Caffè Gambrinus.

Affacciato direttamente su Piazza Plebiscito e Palazzo Reale, il Caffè Gambrinus divenne da subito un luogo di incontro e scambio culturale con il riconoscimento di “Fornitore della Real Casa”, onorificenza tributata dai Savoia ai migliori fornitori del Regno delle due Sicilie.
In seguito alla ristrutturazione, ad opera dell’architetto Antonio Curri, il Gambrinus si trasformò in una preziosa galleria d’arte e fu ribattezzato “Gran Caffè Gambrinus”.

Inaugurato ufficialmente nel 1890, il Gran Caffè Gambrinus divenne il cuore della vita mondana, culturale e letteraria della città. Le sale furono divise per l’argomento: la sala politica, la sala della vita, la sala rotonda. Lo storico locale partenopeo però è fiorito maggiormente nel periodo della Belle Epoqué.
Basti pensare che tra gli ospiti più illustri ci fu l’imperatrice d’Austria Sissi, che prese un ottimo gelato alla violetta; Gabriele D’Annunzio che scrisse lì i versi della canzone “A’vucchella”; Matilde Serao che fondò il quotidiano “Il Mattino” seduta ad un tavolino del caffè; il filosofo Benedetto Croce che frequentava spesso Napoli; gli scrittori Oscar Wilde ed Ernest Hemingway; non ultimo il filosofo francese Jean-Paul Sartre che scrisse pensieri su Napoli ai tavolini del Gambrinus, gustando una fresca granita.

A Napoli verso la fine dell’Ottocento arrivò il “Cafè Chantant” o Caffè Concerto, ebbene oltre al Salone Margherita, il Gambrinus fu uno dei luoghi d’incontro più frequentati dalla nobiltà napoletana. Nel 1938 il prefetto Marziale ne ordinò la chiusura in quanto ritrovo antifascista, cedendo in parte i locali al Banco di Napoli, tuttavia grazie ad un'enorme opera di valorizzazione iniziata da Michele Sergio e portato avanti dai figli, l’unico storico caffè letterario della città di Napoli è ritornato al suo splendore e continua ad essere frequentato dagli intellettuali di tutto il mondo.
  • Rimuovi pubblicità
  • Newsletter
  • Diventa socio
  • Carica il tuo evento
  • Rimuovi la pubblicità
    Accedi al sito con le tue credenziali per navigare senza!
  • Iscriviti alla newsletter
    per essere aggiornato sugli eventi in base ai tuoi interessi. Iscriviti
  • Diventa socio!
    I nostri soci accedono agli eventi a prezzi riservati.
    Scopri i vantaggi dei soci!
  • Il tuo evento qui
    Vuoi sapere come vendere i tuoi eventi sul nostro portale? Contattaci
  • Funivia del Faito - Esperienza ad alta quota
  • Misticismo partenopeo: cimitero delle 366 fosse
  • Piante rare all'Orto Botanico di Napoli
  • Itinerario Art Nouveau a Napoli - Zona Vomero
  • La morte a piazza del Gesù
  • Funivia del Faito - Esperienza ad alta quota

    La funivia del Faito è un impianto funiviario che collega la città di Castellammare di Stabia con il monte Faito, da cui prende il nome.
    Essa entra in funzione prevalentemente nel periodo estivo, per evitare incidenti dovuti a pessime condizioni meteorologiche, che provocherebbero un’eccessiva instabilità alla struttura.
  • Misticismo partenopeo: cimitero delle 366 fosse

    Napoletani e non, è difficile non conoscere, almeno per sentito dire, il cimitero delle Fontanelle. Ma pochissimi sono i napoletani che sanno di un altro cimitero, altrettanto particolare, per non dire unico nel suo genere: il Cimitero delle 366 Fosse.
  • Piante rare all'Orto Botanico di Napoli

    Le attività svolte attualmente dall'Orto Botanico di Napoli riguardano principalmente la ricerca, la didattica e la conservazione di specie rare o minacciate di estinzione.
  • Itinerario Art Nouveau a Napoli - Zona Vomero

    Questo itinerario vi accompagnerà, percorrendo varie tappe, alla scoperta di ville e palazzi storici che hanno contraddistinto architettonicamente il periodo liberty napoletano, in linea con la corrente floreale sviluppatasi nella prima metà del XX secolo, in modo particolare in tre zone: Vomero, Posillipo e Chiaia.
  • La morte a piazza del Gesù

    A Napoli la storia dell'arte si e i monumenti sono avvolti da un alone di mistero, come nel caso dell'obelisco dell'Immacolata nella centrale Piazza del Gesù Nuovo, in cima al quale appaiono presenze tutt'altro che rassicuranti... 

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.