Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Totò - Lo scugnizzo del Rione Sanità

Totò
Totò: maschera nel solco della commedia dell'arte!
«Signori si nasce e io lo nacqui, modestamente!», questa frase è tratta da uno dei film di Totò più famosi e ben si adatta alle origini di questo artista,  testimoniandone velatamente l’orgoglio di essere nato nel Rione Sanità, il centro della “guapperia” napoletana.

Totò adoperò sin dall'inizio della sua carriera un proprio stile interpretativo, che risaltava sia in copioni dalle battute più leggere sia in quelli che riguardavano ruoli più impegnativi; su questi ultimi si orientò, soprattutto verso l'ultima fase della sua vita. Spesso subì aspre critiche e non venne da subito riconosciuto il suo valore artistico, ma poi fu ampiamente rivalutato (purtroppo dopo la morte), tanto da essere considerato ancora oggi il comico italiano più popolare di tutti i tempi.

In quasi cinquant'anni di carriera Antonio de Curtis spaziò dal teatro al cinema, ma fu anche la televisione a renderlo famoso, attraverso la messa in onda di vari telefilm e sketch pubblicitari, che lo vedevano protagonista; egli sovrastò con numerosi film i record d'incassi e in quanto artista affermato e molto apprezzato, venne paragonato ad altri grandi comici come Charlie Chaplin e Buster Keaton.
Le differenze tra teatro e cinema crearono non poche difficoltà, dato che Totò oltre a recitare secondo copione era solito improvvisare, perchè perdeva spesso la concentrazione. Questo era legato al fatto che egli si sia formato con uno stile teatrale ben definito e quindi con un'unica esecuzione dal vivo, senza fare prove, che sono necessarie per gli spettacoli cinematografici.

Tutti conoscono Totò per il suo genio artisitco, ma pochi sanno che ha  sempre dimostrato un immenso amore per gli animali, che considerava addirittura meglio dei “cristiani”. Infatti, dedicò l’intera sua vita a proteggere ed accudire cani di ogni tipo, e dedicò la sua prima poesia al barboncino Dik, oltre ad aver collaborato anche alla costruzione e gestione di un ospizio per trovatelli.