Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Sedili antichi di Napoli

Seggi a San Lorenzo Maggiore
Le sedi del potere e gli stemmi nobiliari
A Piazza San Gaetano, in epoca angioina, si svolgevano le funzioni amministrative dei sedili e del parlamento. Infatti, proprio sulla facciata del campanile della basilica di San Lorenzo Maggiore, sono posti gli otto stemmi rappresentanti i rispettivi sedili di Napoli.

Ogni stemma era rappresentativo di una famiglia nobile, appartenente a ciascuna delle zone della città partenopea, in cui dimorava.
In via Tribunali sorgevano il sedile di Capuana e il sedile di Montagna; il primo deriva dalla potente famiglia Capuano e aveva raffigurato nello stemma un cavallo frenato d'oro messo di profilo in campo azzurro, sovrastato da una corona trifogliata d'oro e sostenuto da due cavalli d’ oro e argento. Mentre, il sedile di Montagna, chiamato così perché sito nella parte più alta della città (Vomero), era rappresentato da tre monti verdi in campo argento, dominati sempre da una corona trifogliata d'oro, ma stavolta come sostegni ‘erano due Saraceni.

Vicino alla Chiesa di Santa Maria a Piazza, sorgeva il noto sedile di Forcella, chiamato così per la vicinanza della Scuola di Pitagora, che usava come emblema la lettera Y. Il motto di questo seggio era "Siamo nati per fare il bene" e come simbolo portava uno scudo troncato d'oro e di rosso caricato di una "Y" nera.
Inizialmente posto al centro del largo del Corpo di Napoli, presso la statua del dio Nilo, sorgeva il seggio del Nilo, in memoria dei commercianti Alessandrini che abitavano lì. Fantastico lo stemma con sopra raffigurato un cavallo nero sfrenato in campo oro, immancabile la corona trifogliata d'oro e per sostegni a destra c’è un mantenitore con corona d'alghe, lunga barba e con anfora che versa acqua su un coccodrillo; invece a sinistra appariva un cavallo d'oro.

Originariamente posto in via Mezzocannone, all’incrocio con via Sedile di Porto, sorgeva il seggio omonimo e lo stemma rappresentava il gigante mitologico Orione, figlio di Nettuno, esperto nella lavorazione dei metalli, o secondo altri avrebbe potuto raffigurare il leggendario nuotatore-marinario Niccolò Pesce. In ogni caso si trattava di un uomo ricoperto di peli e nella mano destra portava un pugnale, in posizione dominante vi era una corona trifogliata d'oro, per cimiero una nave che bruciava e come sostegni due tritoni.
In Piazza Portanova sorgeva il sedile Portanova, detto così perché, durante il periodo greco, le mura della città furono allargate, lasciando spazio alla costruzione della Porta Nuova vicino al mare. Nello stemma era raffigurata una porta d'oro in campo azzurro, sovrastata da una corona trifogliata d'oro, mentre come sostegni c’erano due cani d'oro e d'argento.

Infine, in via del Grande Archivio, vicino all'attuale Piazza Nicola Amore, sorgeva il seggio del Popolo, rappresentativo del popolo non aristocratico della città di Napoli; nello stemma c’era uno scudo troncato d'oro e di rosso con una "P" (Populus) centrale, poi divenuta "C" (Civitas).
Dopo l’abolizione dei sedili sorsero dei casati aggregati, in particolare se ne ricordano tre: Acton, Caravita e Lottieri D’Aquino.