Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Mistero di Antignano

Mistero di Antignano
Una festa religiosa per celebrare la Santa Pasqua
La mattina di Pasqua il Borgo di Antignano si trasforma in un teatro religioso, infatti i fedeli partenopei portano sulle spalle quattro statue di legno, risalenti al ‘700, che rappresentano: Gesù risorto, la Madonna velata di nero, la Maddalena e S. Giovanni Evangelista.

La statua del Cristo risorto viene nascosta nel vicolo di Antignano, poi tocca alle altre tre statue che vengono condotte per le strade del Vomero e una volta giunte nello stesso posto della prima, prende avvio lo spettacolo religioso. Infatti, la statua della Madonna invita Giovanni e la Maddalena a cercare Gesù, dopo svariate perlustrazioni, si ode uno squillo di tromba. Quest’ultimo è il segnale che Cristo è risorto e la Vergine vestita di bianco gli corre incontro, così come Giovanni Evangelista e Maddalena accorrono festanti.

Inizia la celebrazione vera e propria e, circondati da fuochi d’artificio e coriandoli, i fedeli portano le statue in processione per le strade del Vomero.
Finito il rito religioso, le sculture sacre vengono riportate nella Chiesa di Santa Maria della Libera e lì sono esposte per un’intera settimana. Si narra che questa processione fu realizzata sin dall’epoca in cui Carlo I d’Angiò regnava sulla città di Napoli, poi venne abolita, perché considerata una manifestazione condotta da persone di basso lignaggio sociale e culturale. Da qualche anno ad Antignano è tornata questa tradizione, che coinvolge e anima l’intero quartiere.

In particolare, la processione parte da piazzetta Belvedere, sede della Cappella dell'Arciconfraternita del SS. Rosario ed attraversa via Cilea, via Gemito fino ad arrivare a largo Antignano, dove si svolge la funzione religiosa. Dopodiché la processione continua lungo via Luca Giordano, via Scarlatti e piazza Vanvitelli fino al rientro nella Cappella, coinvolgendo ogni anno migliaia di partecipanti.