Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

La testa del cavallo di Virgilio Mago

Virgilio Mago
La leggenda della testa del cavallo bronzeo di Donatello
È una delle statue intorno alle quali gravitano più leggende: si tratta della testa bronzea di cavallo, attribuita ufficialmente a Donatello, custodita per secoli nel Palazzo Diomede Carafa e in seguito trasferita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Secondo la leggenda essa apparteneva al corpo di un cavallo di bronzo scolpito da Virgilio Mago, che si trovava in una piazza dalle parti del duomo e aveva il potere di guarire gli animali. Ciò emerge anche dal racconto popolare di Matilde Serao: “quando un morbo fierissimo invase la razza dei cavalli, Virgilio fece fondere un grande cavallo di bronzo, gli trasfuse il suo magico potere e ogni cavallo condotto a fare tre giri, intorno a quello di bronzo, era immancabilmente guarito”.

Purtroppo, nel 1332, alcuni maniscalchi distrussero la statua per fonderla e costruire le campane del Duomo: del cavallo di bronzo di Virgilio, fu risparmiata solo la testa e pare che quando le campane suonano essa emetta dei nitriti. Un'altra copia della testa (un calco in bronzo) è visibile nella stazione della metropolitana Museo, preannunciando l'opera originale custodita nel Museo Archeologico Nazionale.

Voi conoscevate questa leggenda?