Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

La tarantella, la danza più famosa del Sud Italia

Tarantella a colori
Sapete che significa tarantella? E quando è stata inventata?
Il termine “tarantella” è generico e viene usato per indicare genericamente alcune danze e musiche popolari del sud Italia. Data l’origine popolare di queste danze, non esiste un canone preciso di scrittura.
Per questo si può solo dire che la Tarantella si è adattata alla cultura popolare in cui era praticata. Le prime fonti risalgono ai primi anni del 1600, anche se ci sono arrivate solo testimonianze musicali. Mancano del tutto, invece testimonianze di come queste danze venivano eseguite.
Il ‘700 vede nascere il Regno delle Due Sicilie come entità autonoma e la tarantella ne diventa  uno degli emblemi. Addirittura viene sostituito il nome di balli preesistenti nel regno col nome di tarantella. E’ così che diventa la danza italiana più nota all’estero. Nei secoli sono diversi i compositori che si sono ispirati ai ritmi, quasi sempre travolgenti se non frenetici di queste danze frenetiche.
La versione più famosa è quella di Rossini, scritta per pianoforte e riarrangiata per orchestra da Respighi un secolo dopo.

Origini del nome e veleno di ragno

Ma da dove deriva il nome? Come spesso accade, le origini etimologiche sono dibattute e mai precise. Secondo alcuni "tarantella" deriva da "taranta", termine dialettale delle regioni meridionali italiane per designare la tarantola, un tipo di ragno velenoso.  
In quelle zone questo ballo è in parte legato alla cura del morso della tarantola. Il veleno di quest’animale, infatti, secondo tradizione poteva portare effetti diversi, dalla malinconia alle convulsioni.
La credenza popolare aveva un riscontro medico. La danza frenetica, infatti, permetteva una certa espulsione del veleno attraverso sudori e umori corporei. Il ritmo insistente e costante, trasformava la danza in una specie di cerimonia pagana di cura oltre che in un rituale quasi magico.

La tarantella nella musica moderna

Sono discutibili le influenze che questa danza popolare avrebbe potuto avere sulla produzione musicale contemporanea. Sicuramente il ritmo e lo stile altamente identificativi della cultura dell’Italia meridionale ne hanno fatto un argomento identitario.
Tra le citazioni più famose c’è quella “gay tarantella” del testo di “That’s amore” cantata dalla calda voce di Dean Martin.

Tags: Arte e cultura