Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

La leggenda dell'uomo villoso

Il bassorilievo di via Mezzocannone: il mito di Colapesce
Fu il filosofo Benedetto Croce nel suo libro "Storie e leggende napoletane" a narrare questa leggenda metropolitana, emersa più nitidamente grazie al ritrovamento di uno straordinario reperto: un bassorilievo di epoca classica, posto all’angolo di Via Mezzocannone.

Quest’opera venne alla luce durante gli scavi per le fondazioni di Sedile di Porto e murato nel ‘700; una lapide in latino lo ricorda sulla facciata di una casa.
Il fregio scultoreo rappresentava Orione, che nella mitologia era il gigante cacciatore; qui è stato raffigurato come un uomo villoso che brandisce un pugnale nella mano destra. Il bassorilievo, il cui originale è conservato al Museo di San Martino, è stato oggetto di discussione per l'identità del soggetto raffigurato e per l’autenticità della datazione. Ciò nonostante il popolo napoletano decide di attribuire a quel fregio scultoreo il volto di Colapesce, che simboleggiava l’antico Sedile di Porto.

La leggenda legata al mare di Colapesce si diffuse in tutto il meridione e il mito narra che egli facesse parte dei "figli di Nettuno", una setta di sommozzatori votati al dio del mare. Nicola (Cola) pesce era un ragazzo dalle grandi abilità natatorie e spesso effettuava immersioni subacquee, ma un giorno una maledizione lo tramutò in un vero pesce con squame e dita palmate. Egli si faceva inghiottire dai grossi pesci e li usava come mezzo di trasporto marino, dopodiché, giunto a destinazione ne squarciava il ventre e tornava a galla.

Gli iniziati della setta segreta erano aiutati dalla Sirena Partenope che li dotava di poteri magici, grazie ai quali riuscivano ad avventurarsi negli abissi più profondi, per recuperare reperti storici e altri oggetti di natura misteriosa; il nome in codice che utilizzavano era proprio “pesce-Nicolò”.

Voi conoscevate questa leggenda?