Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

La leggenda del diavolo di Mergellina

Diavolo di Mergellina
Ecco come Vittoria D'Avalos stregò il cuore di Diomede Carafa
«Fecit victoriam alleluia 1542 Carafa», questa iscrizione è posta sulla tavola pittorica che raffigura San Michele mentre scaccia il demonio, il cosiddetto “Diavolo di Mergellina”; tale opera si trova nella Chiesa di Santa Maria del Parto a Napoli.

La leggenda ha come protagonista la bellissima nobildonna napoletana Vittoria D’Avalos, che si invaghì di Diomede Carafa, il Vescovo di Ariano Irpino; quindi pensò che avrebbe potuto incantare l’uomo di fede solo se avesse usato un potente filtro d’amore.
Vittoria convocò un nota strega, soprannominata l’Alamanna, che preparò l’elisir; la nobildonna allora lo versò su alcune frittelle dolci e le offrì a Diomede, che appena le assaggiò fu travolto da un'insana passione amorosa. L’effetto durò fino a che, grazie all’aiuto di un’abile esorcista, l’incantesimo venne spezzato.

Si trattava di un monaco procidano esperto di negromanzia,che utilizzò il seguente metodo per scacciare il demonio: estrasse due immagini, da un lato la forza buona dell’Arcangelo Michele (Guerriero di Dio), dall’altro quella di Lucifero, l’angelo ribelle (Signore del male). Inoltre, consigliò a Don Diomede Carafa di commissionare ad un abile pittore, un dipinto i cui colori dovevano essere mescolati con un balsamo speciale anti-fattura; il dipinto doveva essere poi posto in un luogo sacro e benedetto con acqua santa. L’unica condizione vincolante posta dal monaco fu che il volto del demonio dovesse essere il ritratto perfetto di Vittoria, che incarnava il diavolo tentatore.

L’episodio è citato anche da Benedetto Croce nel suo libro “Storie e leggende napoletane”, dove descrisse minuziosamente questo episodio di fatturazione d’amore, che era molto diffuso nel ‘500 a Napoli; infatti molti uomini dicevano: “Si bell e ‘nfam comm’ o riavule ‘e Margellina...”, riferendosi alle donne ammaliatrici, che volevano con potenti incantesimi rapire il loro cuore e stregare la loro anima.