Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

L'antico telescopio ritrovato all'Osservatorio di Napoli

Telescopio dell'Osservatorio di Capodimonte
Ritenuto perso per anni, l'antico telescopio è stato ritrovato
I cieli di Napoli furono osservati per la prima volta proprio con questo strumento. Ora l'antico telescopio torna al Museo degli strumenti Astronomici dell'Osservatorio di Capodimonte.
La sua scomparsa è stata data per certa per anni. Fortunatamente è saltato fuori ed opportunamente rimontato e restaurato. Potremo così vedere da vicino il telescopio col quale furono compiute le primissime osservazioni del cielo sopra Napoli. Il telescopio sarà in esposizione all'interno del Museo degli strumenti Astronomici dell'Osservatorio di Capodimonte, curato dall’astronomo Mauro Gargano: il telescopio è precisamente un "circolo ripetitore" costruito dal tedesco Georg von Reichenbach, che consentì a Carlo Brioschi di effettuare osservazione dalla specola su “Alfa Cassiopea sopra il polo” il 17 dicembre 1819. (fonte:Repubblica)