Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Sant'Aspreno al Porto e la cura per il mal di testa

Sant'Aspreno
La leggenda di Sant’Aspreno, il primo vescovo partenopeo
Una famosa leggenda narra che S. Pietro, fondata la Chiesa d’Antiochia, dirigendosi verso Roma con alcuni discepoli, passò per Napoli, dove incontrò una vecchia ammalata (probabilmente S. Candida la Vecchia) che promise di convertirsi alla nuova fede se fosse stata guarita.

Appena guarì la donna gli raccomandò il suo amico Aspreno gravemente ammalato. Così Pietro salvò anche lui dalla malattia e lo battezzò, cosicché egli restò a capo della chiesa di Napoli per ben 23 anni, durante i quali acquisì la fama di guaritore.
Nell’ipogeo della Cappella di Sant’Aspreno al Porto, che si presuppone fosse la casa del Santo, anche se altre ipotesi rivelano che si sarebbe trattato in realtà di un ampio stabilimento termale, fu costruito un altare rupestre alla cui base vi era un foro.

In esso i fedeli inserivano la testa per essere guariti dall’emicrania; tale potere di guarire il mal di testa è stato attribuito al Santo, perché pare fosse stato decapitato per la sua fede, oppure secondo altre credenze, perché per penitenza si sarebbe messo una pietra sulla testa. Quale sia la verità ancora non si sa, ma una passeggiata alla cappella di Sant’Aspreno al Porto non potrà di certo far male, anzi se avete mal di testa il Santo potrebbe ripetere uno dei suoi miracoli...altrimenti dovrete ricorrere alla classica aspirina!