Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Attraversare Piazza del Plebiscito bendati

Piazza del Plebiscito
Le due statue equestri e la maledizione della regina Margherita
Fin dal Settecento, Piazza del Plebiscito era luogo di grandi feste popolari, che si svolgevano attorno alle cosiddette “macchine da festa”, che venivano periodicamente innalzate da grandi architetti, tra cui quella di Ferdinando Sanfelice e di Francesco Maresca.

La festa più famosa era quella della “Cuccagna”, in cui premi venivano attaccati all'albero di una nave posto proprio al centro della piazza.
Ai giorni nostri invece si fa un altro gioco, ovvero si tenta di attraversare bendati o ad occhi chiusi la spettacolare Piazza del Plebiscito, percorrendo circa 170 metri. L'obiettivo sarebbe di compiere un percorso lineare, passando precisamente attraverso le due statue equestri di Carlo III di Borbone e di Ferdinando I, realizzate da Canova e dal suo allievo Calì.

Ebbene questo esperimento è misteriosamente fallito per chiunque abbia provato a metterlo in atto; sembra assurdo che tutti nel compiere tale azione si ritrovino quasi sempre dalle parti del Gambrinus o verso via Cesario Console.
La tradizione vuole che la regina Margherita concedesse, una volta al mese, a uno dei suoi prigionieri di avere salva la vita a patto di superare proprio quella prova. Il condannato doveva partire dalla porta di Palazzo Reale, posta esattamente al centro delle due statue equestri, ma nessuno mai riuscì a salvarsi.

Dunque potrebbe trattarsi di una maledizione lanciata dalla sovrana, fatto sta che ancora oggi è impossibile proseguire dritti, senza sbagliare direzione; forse ciò potrebbe essere causato semplicemente dalla pendenza della superficie di Piazza del Plebiscito.

Voi ci avete mai provato?