Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Vincenzo Salemme - Una festa esagerata!

a partire da 9.223.372.036.854.775.808,00 EUR
14 Febbraio 2017 19:00 – 19 Marzo 2017 22:00
Sede: Teatro Diana, Via Luca Giordano 64, Napoli
Categoria: Spettacoli
salemme
Risate a crepapelle e una importante riflessione sulla società odierna nella nuova commedia scritta e interpretata da Vincenzo Salemme.
Una figlia bisognosa di valori come l’amore e il rispetto, ma molto più presa dai beni materiali confondendo amore e soldi; un furbo-napoletano che cerca di fare l’indiano a servizio dei padroni di casa; un neo-portiere del palazzo impegnato nelle elezioni di condominio; un prete alternativo “da strada” e la storia di un vecchio amore che continua a tornare nella vita del protagonista e che ne è trama portante.
Questi gli ingredienti della storia di "Una festa esagerata!" che narra di una famiglia borghese di oggi, composta da padre, madre e figlia coinvolta nell’organizzazione del debutto in società della giovane erede. Ed ovviamente, non potrebbe esserci nulla di più semplice se non fosse che il padre (Vincenzo Salemme), uomo di valori morali, presuntuoso e amante del teatro, deve confrontarsi con una moglie “affamata” di popolarità e di scalata sociale, disposta a tutto pur di incassare soldi e fare la vita da “borghese milanese” scendendo a compromessi con la politica locale.