Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Villa Doria d'Angri, la più bella villa neoclassica

Villa Doria d'Angri
Una bellissima villa panoramica sul mare
A Posillipo tra la fine del 1700 e per tutta la durata del secolo successivo si ebbe un fiorire di ville panoramiche sul mare, la più importante delle quali è Villa Doria d’Angri.
Questa splendida villa neoclassica fu voluta dal principe Marcantonio Doria d'Angri che morì giovanissimo appena 4 anni dopo la conclusione dei lavori nel 1833. L’architetto Bartolomeo Grasso trasformò la preesistente “villa di delizie” aggiungendovi tra l’altro l’ingegnosa rampa a tornanti che consentiva la salita delle carrozze dalla neoinaugurata via Posillipo e tutt’ora attive.
L’intero edificio sembra che fuoriesca dalla roccia; essa, infatti, è stata appositamente concepita su un grande banco tufaceo, con il quale sembra formare un solo corpo architettonico. Il progetto iniziale prevedeva una struttura a due piani che reggeva su tre ordini di arcate, decorati a bugne in stucco.
Quelli che oggi appaiono terrazzi laterali, all’epoca della fondazione erano giardini pensili con giochi d'acqua e fontane, gli esterni proseguivano lungo le rampe che salivano sulla collina fino a prolungarsi all’attuale via Manzoni.
Gli interni non sono meno sontuosi, lavorati da Guglielmo Bechi, e presentano originali decorazioni a motivi pompeiani, ma anche degli specchi, maioliche e stucchi. Dalla strada è anche visibile una pagoda ottagonale realizzata dall’architetto Antonio Francesconi e simile a quella della villa Roccaromana, a testimonianza del gusto anglo-cinese vigente all’epoca.
Nel 1857 la villa fu, neanche a dirlo, ceduta dagli eredi del principe alla nobildonna inglese Maitland Successivamente la villa è stata sede dell’Istituto scolastico Santa Dorotea ed oggi è una delle sedi dell’Università Parthenope che vi ospita importanti eventi e mostre.