Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Biblioteca Nazionale di Napoli, una boccata di Cultura

biblioteca-nazionale-napoli
Alla scoperta di preziosi volumi e manoscritti
La Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli si trova nel Palazzo Reale, in piazza del Plebiscito.
La Biblioteca Nazionale di Napoli vanta un patrimonio tra volumi a stampa, opuscoli e manoscritti, che la vede terza tra le biblioteche italiane, dopo quelle di Roma e Firenze.

Estremamente ricca di preziosi volumi orientali, le sale della Biblioteca hanno ospitato studiosi d'eccezione, come il regista Bernardo Bertolucci che proprio qui si è documentato sulle culture dell'Estremo Oriente, per la sceneggiature e le riprese de film "L'ultimo imperatore", del 1987.

Istituita alla fine del 700 all'interno dell'attuale Museo Archeologico (il cui edificio all'epoca ospitava il Palazzo degli Studi), per raccogliere i volumi provenienti dalla Reggia di Capodimonte, fu aperta al pubblico nel 1804 (detta "Reale Biblioteca di Napoli"), e solo l'indomani dell'unità d'Italia divenne, nel 1861, assunse il nome di Biblioteca Nazionale e nel 1922 sarebbe stata spostata, su suggerimento di Benedetto Croce, nel Palazzo Reale. Frequentata da studenti universitari, da ricercatori e studiosi vari in cerca di materiale per i propri approfondimenti, la Biblioteca custodisce importanti manoscritti autografi di Giacomo Leopardi: Alla luna, L'Infinito, Ultimo canto di Saffo, A Silvia, Le ricordanze, Il sabato del villaggio, Canto notturno, lo Zibaldone e parecchi altri.

E sovente la struttura ospita eventi di carattere culturale come le video-installazioni di Peter Greenaway e Studio Azzurro, allestite in occasione del Forum Universale delle Culture di Napoli. Attrattiva della Biblioteca sono i suoi freschi giardini che si sviluppano alle spalle del Real Teatro di San Carlo e dove gli studenti sono soliti trascorrere i momenti di break dallo studio.

Accessibile a tutti previa la presentazione del documento d'identità, la Biblioteca Nazionale si presenta come un'ottima meta per i turisti che seguono percorsi culturali, ma anche per i napoletani che non ci hanno ancora messo piede. Si alle visite, purché si rimanga in ossequioso silenzio!

Tags: Musei