Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Quello che non sai sul Teatro San Carlo

Statua Parthenope San Carlo
MeMus, orologio, statua di Partenope e specchi inclinati
Il Teatro San Carlo, voluto fortemente da Carlo di Borbone, è il più antico teatro d'opera in Europa. Accanto a questo maestoso teatro, è possibile visitare il MeMus (Memoria e Museo), che ripercorre la storia del San Carlo stesso e dell'opera italiana in generale.

In esposizione ci sono strumenti musicali, fotografie, costumi e documenti d'epoca, che, grazie anche a un archivio musicale audio e immagini videoproiettate accrescono l’esperienza della visita. Nel 1980 fu scoperto lo stemma originario del Regno delle due Sicilie presente sotto l’arco del proscenio; un curioso particolare è l'orologio ivi posto dal meccanismo invertito: le figure allegoriche del Tempo e le Ore fanno da lancette fisse su un quadrante che ruota.

Il teatro San Carlo sorge addossato al lato nord del Palazzo Reale con il quale comunica attraverso una porta, che si apre proprio alle spalle del palco reale, in modo che il re potesse recarsi agli spettacoli senza essere costretto a scendere in strada, in mezzo alla folla. I lavori furono ultimati in circa otto mesi con annesso un palco reale capace di ospitare dieci persone, per una capienza complessiva di circa 1400 posti. Il progetto prevedeva la costruzione su una pianta a forma di ferro di cavallo, il modello più antico al mondo per il teatro all'italiana.

Sulla sommità della facciata del San Carlo c’è un gruppo scultoreo, la Triade di Partenope, che secondo il mito era la sirena che incoronava musicisti e poeti; tale opera d’arte fu distrutta da un fulmine e da infiltrazioni d’acqua, ma fu poi restaurata e ricollocata dove era in origine.
Altra curiosità del Teatro San Carlo sono gli specchi nelle pareti laterali dei palchi, inclinati in modo tale da riflettere il palco reale; tali installazioni erano dovute ad una regola non scritta: ogni spettatore non poteva applaudire o chiedere un bis prima del re.

Voi conoscevate queste particolarità sul teatro più bello del mondo?

Tags: Arte e cultura, Itinerari, Musei