Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Piazza dei Martiri, conoscete i leoni?

Piazza dei Martiri
Il famoso monumento ai martiri napoletani
Tutti quelli che hanno voluto fare shopping di alta, moda o passeggiare nella grande isola pedonale di Chiaia hanno visto il monumento ai martiri che da il nome a una delle piazze più belle della città di Napoli.
Questo monumento, oltre a decorare la piazza racconta una storia che non tutti conoscono. Posto al centro della piazza è costituito da una colonna che già esisteva nel periodo borbonico, quando la piazza prendeva il nome di piazza della Pace. Sulla sommità spicca la statua alata che rappresenta la "virtù dei martiri" e che sostituì la precedente statua della Madonna della Pace.
Pochi sanno che i quattro leoni alla base rappresentano ciascuno i martiri napoletani di diverso periodo storico. Giriamo virtualmente attorno al monumento e raccontiamone la storia.

Il leone sdraiato

rappresenta i caduti nei moti del 1848, periodo rivoluzionario simboleggiato dallo statuto riportante quella data tenuto dal leone sotto la zampa.

Il leone trafitto da una spada

simboleggia i caduti carbonari del 1820 soffocati nel sangue, opera di Stanislao Lista.

Il leone morente

rappresenta i martiri della Repubblica Partenopea del 1799 che gemellò i moti rivoluzionari francesi con le spinte innovatrici della classe dirigente illuminista napoletana. La rivoluzione, lo sappiamo, fallì miseramente non avendo il sostegno del popolo e fu seguita dalla restaurazione e la repressione sanguinosa.

Il leone in piedi

unico fra i quattro, è dedicato ai caduti garibaldini del 1860, ultimi martiri del popolo napoletano, che hanno portato alla unità d’Italia.

E proprio alle spalle di questo leone, è posta una targa che recita queste parole: « Alla gloriosa memoria dei cittadini napoletani che caduti nelle pugne o sul patibolo rivendicarono al popolo la libertà di proclamare con patto solenne ed eterno il plebiscito del XXI ottobre MDCCCLX Il Municipio Consacra »

Tags: Arte e cultura