Concerti
  • Music City Hall Napoli

    Music City Hall Napoli

  • Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

    Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

    SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Palazzo Spinelli di Tarsia, i nuovi giardini di Babilonia

Palazzo Spinelli di Tarsia
Un palazzo storico nel cuore di Napoli
Il palazzo dei Principi Spinelli di Tarsia, appartenuto a una antica e nobile famiglia napoletana è una di quelle bellezze napoletane dimenticate, malinconiche.
Costruito a ridosso delle mura cittadine, alle spalle dell’odierna piazza Dante, è un palazzo monumentale che nel progetto originale inglobava maestosi giardini e un loggione con busti.
Chi si addentrasse potrebbe ammirare quel che resta del ben più grandioso progetto di Domenico Antonio Vaccaro che tra il 1730 e il 1735 fu incaricato dal Principe Ferdinando Vincenzo Spinelli di dare inizio ai lavori di sistemazione.
L’intervento del Vaccaro modificò il terreno lungo un asse ideale, immaginando una loggia ortogonale che congiungesse il portone del palazzo al centro della città. La loggia svolgeva il compito di “disimpegnare il visitatore che, dal basso saliva al palazzo, dalla spiacevole sensazione della pendenza del terreno. Purtroppo ancora oggi il pessimo stato di conservazione della complessa opera non consente che una parziale e insufficiente ricognizione di quanto realizzò il Vaccaro.
La grande area verde all’interno del palazzo intendeva rifarsi ai giardini pensili di Babilonia, anche se purtroppo è oggi quasi del tutto scomparsa. Estinta la famiglia Spinelli, sul terreno del giardino del palazzo si pensò di stabilire un “mercato di commestibili”.
Purtroppo però l'idea del mercato non ebbe successo e i mercanti rifiutarono i nuovi spazi che furono destinati così a diversi impieghi. Mentre attualmente il palazzo è stato adibito a condominio privato,parte del terreno ha accolto e tuttora ospita il cineteatro Bracco, dedicato al commediografo Roberto Bracco.