Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Palazzo Spinelli di Laurino

Palazzo Spinelli di Laurino
Palazzo Spinelli di Laurino, cortile ellittico e busti imperiali
Il Palazzo Spinelli di Laurino si trova nel centro storico di Napoli, lungo il Decumano maggiore, precisamente in Via Tribunali. La famiglia Spinelli di Laurino divenne proprietaria dell’area alla fine del XVI secolo, poi Troiano Spinelli decise di rinnovare completamente il palazzo, dedicandosi personalmente al progetto di ristrutturazione dell'edificio.

Egli si occupò anche dei decori, consigliato da due abili architetti Ferdinando Fuga e Ferdinando Sanfelice, famoso per le sue scale a doppia rampa.
Il Palazzo Spinelli di Laurino è, da un punto di vista architettonico, molto originale proprio per il suo atrio di forma ellittica, che immette in un cortile circolare ornato di stucchi e terracotte. Intorno sono state disposte dodici statue allegoriche scolpite dal maestro Jacopo Cestaro ed è possibile trovare anche un orologio, una statua della vergine e i busti di due imperatori romani.

Nel secondo atrio, decorato con epigrafi e statue raffiguranti le donne della casata, è stata collocata la famosa scalinata a doppia rampa.
Sugli scaloni del palazzo qualcuno vide aggirarsi il fantasma di una fanciulla, che apparterrebbe a Bianca, amante del marito di Lorenza Spinelli, donna dispotica e crudele. Ebbene, per punire il tradimento, Lorenza ordinò di murare viva la ragazza, che prima di subire il triste destino lanciò una maledizione sulla famiglia Spinelli. Infatti, quando compare il fantasma, dopo tre giorni è risaputo che potrebbe accadere qualcosa di spiacevole, un lutto o una disgrazia.
Nel Palazzo Spinelli di Laurino è custodita anche la cappella di famiglia.

Tags: Arte e cultura