Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Museo Erotico a Napoli

Una sezione del Museo Archeologico Nazionale riaperta di recente
Si chiama "Gabinetto Segreto" ed ospita reperti pompeiani con natura unicamente a sfondo erotico e sessuale.
Il Gabinetto Segreto - Pigmei intenti ad accoppiarsi su barchette sul Nilo, lunghi falli pendenti o eretti, un Ermafrodito in fuga da chissà chi: questo potrebbe capitavi di vedere all'interno del Gabinetto che occupa le sale 62 e 65, al piano ammezzato del museo. I reperti provengono principalmente da Pompei ed Ercolano. E a Pompei non mancavano di certo luoghi dedicati allo svago erotico e sessuale, come le terme affrescate con dipinti da pallino rosso. E ad arricchire la collezione una quantità di utensili sul tema, come le simpatiche quanto singolari brocche in terracotta a forma di nani deformi e superdotati. La Storia - "Gabinetto Segreto" è il nome che i Borbone attribuirono alle sale riservate del museo.

A causa della sua singolare esposizione il gabinetto se l'è vista brutta con la censura, che ne ha provocato la chiusura a causa dei suoi contenuti libertini e trasgressivi, all'epoca dei moti rivoluzionari del 1848. Addirittura s'invocò la distruzione delle opere, cosa che per fortuna non avvenne grazie alla lungimiranza dell'allora direttore del Museo. Definitivamente chiuso (con ben tre porte e altrettante serrature e chiavi) le cose andarono leggermente meglio durante il ventennio fascista, sebbene occorresse il permesso del ministro dell'educazione nazionale a Roma. Solo dopo il 1971 furono stabilite nuove regole dal ministero per regolamentare le richieste di visita e l'accesso alla sezione. Completamente riallestita, la collezione è aperta al pubblico dall'aprile del 2000.

Tags: Archeologia, Musei