Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

La sedia della fertilità

Miracolo o coincidenza la sedia della fertilità ti fa mamma!
Napoli, si sa, è la città dalle mille credenze e dei mille riti sacri e pagani, così, pur essendo nell'era delle scienze razionali e della medicina iperspecializzata, c'è ancora chi preferisce affidarsi alla divina provvidenza: la sedia della fertilità!
C'è infatti nei Quartieri Spagnoli, e precisamente nel Vico Tre Re a Toledo, la chiesa di Santa Maria Francesca delle cinque piaghe di Gesù, luogo strettamente legato al culto della maternità. La Santa in questione, prima santa napoletana canonizzata dalla Chiesa, è nota anche come la "santarella" a causa della suavita afflitta da malattie e dolori fisici e psicologici derivanti soprattutto dalle tremende violenze familiari a cui rispondeva con un carattere mansueto, con la preghiera e con virtù cristiane. Ricevette le stigmate, sottostava docilmente ai severi ordini dei suoi confessori e si autoinfliggeva penitenze volontarie.

La credenza vuole che, in cambio di tali sofferenze, abbia ricevuto dei doni prodigiosi che ancora oggi il popolo, napoletano e non solo, considera dei veri e propri miracoli. Non è difficile infatti notare ogni mattina fuori dalla casa-santuario della santa, adiacente alla Chiesa, file di fedeli, soprattutto donne, in attesa di far visita alla santa per poter chiedere la grazia di una gravidanza troppo a lungo desiderata. Il rito dura qualche minuto: ci si siede sulla "sedia del dolore", si racconta la propria storia a Suor Giuliana e davanti alle relique della santa, si pronuncia un'accorata preghiera e si spera che, lì dove la medicina non è arrivata, arrivi la fede.

E le miracolate tornano ossequiose a ringraziare la Santa con i fiocchi della recente nascita. Vedere per credere: appena arriverete alla casa rimarrete sorpresi dala quantità di fiocchi azzurri e rosa recati in omaggio dalle neo-mamme! Molti sono i miracoli riconosciuti di gravidanze considerate impossibili dalla medicina. Tante le donne che portano in pellegrinaggio anche i loro bambini e bambine nati grazie ai prodigi della santa (molte delle quali di nome Francesca o Maria Francesca) o doni in segno di devozione e ringraziamento.

Numerosi sul web i forum al femminile in cui, confrontandosi sulla maternità, tra cure per la fertilità e inseminazioni artificiali, impazza la soluzione della prodigiosa sedia e tantissime le donne che raccontano di aver ottenuto il miracolo.

La casa si trova accanto alla chiesa in Vico Tre Re a Toledo, 13