Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

La Cappella Sansevero

cappella san severo
Uno dei più importanti siti museali di Napoli
La settecentesca Cappella Sansevero è tra i siti d'interesse culturale ed artistico più ricercato da turisti e visitatori della città. Al suo interno, oltre allo sfarzo architettonico, si trovano preziose testimonianze sulla cultura esoterica

La cappella si trova all'interno della Chiesa che oggi è sconsacrata e che si trova accanto al palazzo di famiglia dei principi di Sansevero, che vi accedevano mediante un ponte che sormontava il vicoletto che a sua volta separava i due edifici. La cappella ospita capolavori come il Cristo velato, famosissimo in tutto il mondo per il sottilissimo velo marmoreo che sembra posarsi naturalmente sul corpo di Cristo.

A questo si aggiungono la Pudicizia e il Disinganno, altre opere di rilevanza artistica e pregiata fattura. Il membro più importante della famiglia nobile fu di sicuro Raimondo di Sangro, settimo principe di Sansevero, committente e ideatore dell'apparato artistico della cappella: al suo interno si trovano, inoltre, altre opere di pregiata fattura e dal gusto abbastanza inusuale e bizzarro, le così definite macchine anatomiche.

Si tratta di due studi anatomici, due corpi del tutto privi di carni che sorprendentemente mostrano l'intero sistema circolatorio, in maniera molto dettagliata. Il luogo è carico di simbologie e riferimenti misteriosi, che riflettono il genio e il carisma del principe Raimondo di Sangro, che pare si interessasse di alchimia e facesse parte di misteriose logge massoniche. Secondo fonti non accreditate i due studi anatomici fanno in realtà parte di una ricerca assai affine agli obiettivi dell'alchimia che della scienza ufficiale.

Tags: Arte e cultura, Musei