Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

L'orologio astronomico che segna l'ora esatta

Orologio Astronomico
Equazione del tempo a Piazza Dante
Volete sapere con precisione matematica l’ora esatta? A piazza Dante c’è un orologio che segna quella che gli scienziati chiamano l’«Equazione del tempo».
E’ stato fermo per anni, ma da circa dieci anni è stato rimesso in funzione e da allora è in grado di cogliere con esattezza il mezzogiorno.
Quel fenomeno che gli scienziati lo zenith, il punto più alto raggiunto dal sole. E’ un orologio astronomico ad altissima precisione che misura l’ora esatta aldilà della convenzione.
Spiegano gli esperti, infatti, che quello che viviamo, in effetti, è un giorno convenzionale. Bisogna sapere che non tutti i giorni solari hanno la stessa durata. Questo accade perché la culminazione non avviene con una scadenza regolare.
Questa differenza giorno dopo giorno assume un valore di pochi secondi, ma accumulandosi può portare ad anticipi e ritardi che arrivano anche a 15 minuti. Di qui la necessità della scelta per un giorno convenzionale. Non si poteva, infatti star dietro ai ritardi e agli anticipi del sole e, quindi si è adottato un giorno solare medio. L’orologio astronomico di Piazza Dante insospettabilmente, invece, mostra sempre l’orario più che esatto. Il meccanismo unico si trova sulla torre del Convitto nazionale Vittorio Emanuele II.
Era fermo da anni quando Daniela Salvatore, docente di geografia astronomica del Convitto, incuriosita dall’Equazione del Tempo, ne ha approfondito la storia e ne ha scritto un piccolo libro che poi per caso è finito nelle mani di Egidio Mitidieri, vice presidente della Fondazione Banco di Napoli, che ha accettato di finanziare l’intervento di riparazione dell’orologio.
Ed ecco quanto ha dichiarato la stessa prof. Salvatore: «È un orologio unico in Europa realizzato nel 1853. Era un dovere ricostruirne la sua storia ed è stato un gran regalo farlo funzionare di nuovo».

Tags: Italian (IT)