Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

L’incendio del campanile del Carmine

Incendio Campanile del carmine
Una storia lunga oltre cent'anni
Oggi agli occhi distratti di un passante è un enorme parcheggio, ma Piazza del Carmine è stata molto di più. A ridosso dell’antico porto, piazza del mercato, il suo basolato in pietra di piperno ha impresso in sé la storia di centinaia di anni.
La chiesa del Carmine domina questa vista e da tempo è testimone delle vicende della vita della città di Napoli: esecuzioni capitali, rivolte, tradimenti… Il suo campanile è il miglior punto di avvistamento - e da avvistare.
E’, infatti il più alto della città ed è protagonista ogni 15 luglio di una spettacolare celebrazione. Nel giorno della Madonna del Carmine, infatti il campanile si veste di luce. E’ l’incendio del Carmine, un evento cui accorrono migliaia di persone incollate con lo sguardo all’insù. Nel ‘500 si usava simulare un attacco a un fortino posticcio costruito ad hoc in piazza e terminare la simulazione con l’incendio del campanile.
Proprio durante una di queste rappresentazioni cominciò la rivolta di Masaniello che era uno dei capi-lazzari che assaltavano il fortino. I Borbone, da sempre devoti alla Vergine, omaggiavano la festa con due barili di polvere nera per gli spettacoli pirotecnici e da tutti gli angoli del regno arrivavano folle richiamati dall’evento e intrattenuti da bancarelle di tutti i tipi. Alle 22 si spengono le luci e lo spettacolo comincia, simile a un capodanno fuori stagione. Il campanile è illuminato a giorno da bengala e girandole multicolore 'incendio: delle piogge colorate rivestono l'intera mole del Campanile e illuminano a giorno la piazza. Poi tra sbuffi di fuoco e scoppi si accende la croce in cima al campanile.
Così tra lo stupore e la meraviglia di tutti gli astanti si consuma questa ritualità pregna della spiritualità cattolica e pagana della Napoli senza tempo.

Tags: Napoli di notte