Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

I tesori nascosti dell'Orientale

Cabinet del Duca di Corigliano
Biblioteca Maurizio Taddei e Cabinet del Duca di Corigliano
Tutti conoscono l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, ma non tutti hanno visitato due luoghi molto importanti che questo istituto ospita. Si tratta della Biblioteca Maurizio Taddei e del Cabinet del Duca nel Palazzo Saluzzo di Corigliano.

Maurizio Taddei fu professore ordinario di "Archeologia e storia dell'arte dell'India" all'Orientale , finendo con assumere un incarico ancor più prestigioso, ovvero divenne Rettore. Nel 2000 gli è stata dedicata a Palazzo Corigliano la Biblioteca del Dipartimento di Studi Asiatici dell'Università l’Orientale.
La Biblioteca Maurizio Taddei è ospitata al quarto piano del Palazzo Corigliano, posta lì in seguito all’opera di restauro voluta dal Duca di Corigliano, Agostino Saluzzo.

Il patrimonio documentale contenuto nella Biblioteca Maurizio Taddei è costituito dalle raccolte provenienti dai precedenti seminari poi confluiti nei seguenti dipartimenti: Studi Asiatici, Africa e Paesi Arabi, Mondo Classico e Mediterraneo antico. Di particolare rilevanza è il fondo di libri antichi e rari, facenti parte del fondo originario della Biblioteca del "Collegio dei cinesi"; ma degni di nota sono anche alcuni manoscritti antichi e i fondi di etiopistica da cui sono derivati i settori dedicati al continente africano. 

Un altro tesoro da scoprire è il Cabinet, un piccolo studio, che ha la particolarità di essere totalmente ricoperto da un rivestimento di specchi, realizzato da Filippo Buonocore. Il gabinetto è completato da una ricca decorazione plastica, presente in tutti gli ambienti, presentando una volta finemente decorata da stucchi dorati con una Gigantomachia con rappresentati Episodi dell’Eneide; invece, alle pareti vi sono dipinti con Scene di mitologia greca, oltre alla raffigurazione delle Stagioni, delle Virtù e delle Opere del Duca, e delle Gesta degli Dei. Lo stile decorativo utilizzato per abbellire ed impreziosire questo cabinet è il rococò europeo, che si distingue per la grande eleganza e la sfarzosità delle forme, caratterizzate da ondulazioni ramificate e arabeschi floreali.

Voi avete mai visitato la Biblioteca Maurizio Taddei e il Cabinet del Duca di Corigliano?

Tags: Architettura, Arte e cultura, Itinerari