Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

10 capolavori da non perdere al Museo di Capodimonte

danae
Centinaia di maestri per opere di grande bellezza
Il Museo di Capodimonte custodisce capolavori assoluti. Tentiamo l’impresa di proporvi un viaggio breve con 10 "tappe" davvero imperdibili , senza alcuna ambizione se non quella di far conoscere lo straordinario patrimonio di uno dei maggiori musei italiani.
Ecco la nostra selezione di 10 dipinti imperdibili, nella quale ai grandi maestri si accosta qualche nome meno noto al grande pubblico. Cominciamo subito con la super star:
  1. Caravaggio

    Michelangelo Merisi, Caravaggio. E’ a Capodimonte con la sua “Flagellazione di Cristo”. La tela fu realizzata nel 1607-1608 per una cappella della chiesa napoletana di San Domenico Maggiore. La composizione della tela è tipicamente caravaggesca: Cristo è posizionato al centro della composizione. Pur essendo legato alla colonna, il suo corpo esprime una grazia che stride con la furia dei gesti rozzi degli aguzzini. La tensione psicologica del quadro è data dalla luce che illumina fortemente frammenti dei corpi coinvolgendo lo spettatore nella dinamica drammatica della scena.

  2. Bruegel

    Nella sezione fiamminga brilla Peter Bruegel il Vecchio con la celebre “Parabola dei ciechi”. Nel suo capolavoro del 1568, il pittore olandese raffigura un’intera combriccola di ciechi, rappresentati in maniera del tutto impietosa e: le loro posture sono come dei fotogrammi che insieme formano la sequenza della caduta.

  3. El Greco

    El Greco, ritrae Giorgio Giulio Clovio, conosciuto come “Michelangelo della miniatura”, suo patrocinatore presso i Farnese, che lo ospitarono nel proprio palazzo romano. Realizzato nel 1570 dal pittore cretese dopo aver studiato la maniera del Tiziano e della scuola veneziana. Il volto al centro del dipinto esprime con grande efficacia il suo carattere di uomo profondo e saggio così come altrettanto espressive sono le sue mani. La luce arriva dalla finestra che lascia intravedere un cielo in tempesta, con alberi che si piegano per la forza del vento.

  4. Parmigianino

    Anche il Parmigianino fa sfoggio della sua arte a Capodimonte col suo Ritratto di Galeazzo Sanvitale. Se nel Cinquecento fossero già esistite le riviste glamour, questa tavola, realizzata nel 1524, avrebbe fatto un’ottima copertina. Accessori abbinati con cura, barba, favoriti e baffi da far invidia ai cultori di certe mode di oggi. Il volto maschile di aristocratica bellezza. Il tutto con pesanti armature nello sfondo, quasi a voler bilanciare l’immagine del protagonista inserendo anche un netto richiamo alla sua forza virile.

  5. Tiziano

    Tiziano dedica al mito di Danae l’opera che incornicia a Capodimonte la prima prova del pittore al soggetto dall’altissima carica erotica. La protagonista, sdraiata sul letto guarda con dolcezza verso la pioggia fecondatrice, mentre un Cupido impedisce alla nutrice di fermare il concepimento di Perseo. piccola curiosità, nell’ ‘800 l’opera veniva conservata nel gabinetto dedicato all’esposizione dell’arte oscena proveniente da Pompei ed Ercolano.

  6. Lorenzo Lotto

    Nella Madonna col Bambino di  Lorenzo Lotto, a dominare la scena è la calma malinconica espressa nel volto della Madonna, che posa la mano sulla testa di San Giovannino, e lo sguardo intriso di tristezza del Bambino benedicente. A questo tono di silenziosa preghiera fa eco il paesaggio sullo sfondo, con colline, borghi e uomini impegnati nelle loro fatiche quotidiane.

  7. Giovanni Bellini

    Nella Trasfigurazione di Cristo Sul Monte Tabor di Giovanni Bellini, Cristo rivela la sua natura divina ai discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni. L’opera del maestro veneziano, probabilmente destinata al Duomo di Vicenza, è databile intorno al 1478-1479.

  8. Lippi

    Nell’Annunciazione di Lippi, oltre ai colori tenui, le pieghe graziose delle vesti e le dolci espressioni dei volti dei personaggi, possiamo apprezzare particolari architettonici che probabilmente rappresentano un indizio sul probabile committente. Da ammirare anche l’attenzione del Lippi al mondo vegetale, evidentemente studiato con grande interesse e rappresentato in maniera meticolosa, a cominciare dal fiore di giglio che Gabriele dona alla Vergine.

  9. Masolino da Panicale

    La Fondazione di Santa Maria Maggiore di Masolino da Panicale, con il racconto della leggenda dell’apparizione della Vergine che ispirò la fondazione della basilica.

  10. Masaccio

    E, dulcis in fundo: Masaccio, Crocifissione cui è stata giustamente dedicata un’intera sala del percorso espositivo. La postura e le gestualità drammatiche dei personaggi (accentuati, nel caso della Maddalena e di San Giovanni, dai colori accesi delle loro vesti) e le mani giunte della Madonna, che rimane immobile nel suo dolore, colpiscono subito lo spettatore, rendendone indelebile il ricordo. La stessa scelta di posizionare l’opera in alto rispetto all’osservatore, spiega anche le soluzioni prospettiche adottate da Masaccio, che nasconde praticamente alla vista il collo di Cristo accorciando leggermente le gambe.
Questo nostro è solo un tentativo vano di voler stuzzicare l'interesse e la curiosità verso uno dei più ricchi musei al mondo, traboccante di tesori. Riassumere e voler descrivere gli immensi capolavori custoditi non potrà mai sostituire l'esperienza di una visita approfondita, che ci auguriamo tutti i nostri lettori vorranno concedersi.

Tags: Arte e cultura