Concerti
  • Music City Hall Napoli

    Music City Hall Napoli

  • Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

    Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

    SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Benvenuti al Sud. Perché i turisti non vengono a Napoli?

Severgnini Napoli

Perché il turismo non è una florida industria a Napoli? Le risposte di Beppe Severgnini

Il suo articolo, pubblicato qualche tempo fa sul New York Times, spiega le ragioni che impediscono una florida industria del turismo a Napoli e in tutto il meridione d'Italia. Disorganizzazione, disomogeneità e incapacità alla base del drastico calo.
NAPOLI , Italia - La primavera è qui. Nel Sud Italia, il sole splende, il cielo è azzurro e il clima è mite. Profumi di fiori di arancio si mescolano con banchi di gelsomino. Il cibo è buono, il vino è poco costoso, la gente del posto è cordiale e la bellezza è tutto intorno. Ma dove sono i turisti ? La Costiera Amalfitana, a sud di Napoli, è ancora una calamita per i ricchi russi e gli americani romantici. Eppure Napoli è di per sé un "Wasteland" turistico, e il resto del Sud Italia è in gran parte privo di vacanzieri. Solo il 13 per cento dei turisti che vengono in Italia arrivano al Mezzogiorno. La testa di riposo per il centro e nord Italia, Mediterraneo o altri Paesi del tutto.

Italiani incapaci e spendaccioni



Dagli aeroporti tedeschi 223 voli per le Isole Baleari in Spagna in una settimana la scorsa estate, e solo 17 per il Sud Italia. Gli italiani sulla difensiva, in particolare dal prospero nord, vi diranno che nessuno va al sud perché non c'è niente da vedere (si sbaglia). Ma la mancanza di turisti in posti come la Sicilia o la Calabria è indicativo di una più grande realtà, il fallimento a livello nazionale da parte del paese per sfruttare le sue risorse più preziose - in questo caso, bellezze naturali e culturali della regione. Il marketing povero è un problema. 


L'Ente per il turismo italiano spende un sorprendente 98 per cento del suo budget sugli stipendi, e niente per il pratico ed effettivo lavoro di promozione turistica. Il governo italiano ha cercato di stimolare l'interesse nella regione meridionale con 50 milioni dollari (dal sito Italia.it, con alcuni difetti e imprecisioni). Oppure, considerate come le piccole autorità turistiche regionali in Italia si coordinano tra loro. Anni fa a Shanghai, mi sono imbattuto in tre delegazioni separate che rappresentano la stessa parte della Sicilia. E spendono soldi anche selvaggiamente: fino a poco tempo fa l'Autorità regionale della Campania aveva una residenza sontuosa New York sulla Fifth Avenue. Le infrastrutture sono un altro problema.

Cristo si è fermato ad Eboli, l'alta velocità a Salerno



L'Italia ha perso tempo e denaro a fantasticare su un ponte per la Sicilia. E 'stato il progetto di Silvio Berlusconi per ogni campagna elettorale. Eppure i servizi ferroviari ad alta velocità si fermano a Salerno, appena al di là Napoli, a 300 miglia a nord. Ci sono treni nel Mezzogiorno che viaggiano a una velocità media di 8,7 miglia all'ora. L'anno scorso ho intrapreso un viaggio in treno dalla lontana città nord-orientale di Trieste a Trapani, sulla punta Sud della Sicilia. Una volta passata Roma, ho trovato un altro mondo.
Metaponto, Basilicata, a est di Napoli, ha una stazione ferroviaria in marmo pagato 25 milioni di dollari coi fondi dell'Unione europea. Ma l'ultimo treno fuori è un espresso delle 8.21 per Roma. Se si vuole andare altrove, bisogna prendere un autobus. Più a sud, la piccola locomotiva deve interrompere il suo percorso lungo la costa ionica per far attraversare i binari ad adolescenti armati di gelato armati diretti alla spiaggia. Né migliore è la condizione delle strade. Aggiornamenti sulla autostrada Salerno-Reggio Calabria sono in corso da 29 anni tra un groviglio di costi gonfiati, corruzione e minacce mafiose. Ci sono tratti dove i lavori di costruzione devono essere protetti dall'esercito.

Napoli, Italia



Questo non è un guasto regionale; è nazionale
. Il turismo nel Sud Italia dovrebbe essere ciò che è il petrolio per la Norvegia: una benedizione e una fonte di ricchezza. E il sud potrebbe certamente utilizzarlo. Il prodotto interno lordo annuale nel sud è poco più di 21 mila dollari pro capite, rispetto ai 43 mila dollari al centro e nord. Quasi due giovani meridionali su tre non hanno lavoro. In tutta Europa il 64 per cento delle donne lavora; in Campania, solo il 28 per cento. Che cosa ci dice questo triste racconto sull'Italia nel suo complesso? In tutto il paese, il turismo da fortuna sta diventando l'occasione mancata. Nel 1970, l'Italia era il N.1 di tutto il mondo come destinazione turistica. Oggi slitta al quinto posto dietro la Francia, America, Cina e Spagna.

Nei primi anni 2000, il 6 per cento dei turisti del mondo veniva qui. Oggi solo il 4. Inoltre si evidenzia cattivo stato in Italia circa il coordinamento tra i settori della società. Pur essendo una delle principali destinazioni per i vacanzieri, l'Italia non ha nemmeno un ministro per il turismo, altri Paesi europei si. Le lotte sono la norma. I proprietari degli hotel litigano e discutono con le agenzie per le vacanze. Le Imprese pubbliche se la vedono con la guerra dei salari del settore privato. Regioni confinanti non si parlano l'un l'altra. Sapete perché i voli in Calabria e i loro treni non riescono a collegarsi con i traghetti che attraversano lo Stretto di Messina ? Perché la Calabria non vuole vedere turisti dirottati in Sicilia.

Infine, la storia del fallimento del turismo nel Mezzogiorno d'Italia illustra l'incapacità del paese a capire come considerare il finanziamento pubblico: spreco e non investimento. Dalla seconda guerra mondiale, il governo ha versato 550 miliardi dollari nel Mezzogiorno, senza alcun risultato. Con quasi ogni misura, in realtà è peggio rispetto al resto del paese, di quanto non fosse 60 anni fa. Teniamo le nostre dita incrociate se il nuovo primo ministro, Matteo Renzi, potrà dar seguito alle storiche riforme promesse. Le stesse cose che renderebbero buona l'Italia anche per gli Italiani - trasporto efficiente, meno tasse, prezzi più equi, rispetto per l'ambiente - potrebbe trasformare anche il Sud Italia, e il resto del paese, in un paradiso per i vacanzieri.