Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Apple apre Napoli il primo Centro di sviluppo app d'Europa

apple napoli

Un riferimento per la formazione e la crescita professionale nello sviluppo di applicazioni per iOS a Napoli

L'azienda californiana portata al successo mondiale dalla brillante mente di Steve Jobs porta a Napoli il primo Centro di sviluppo app d'Europa
Palo Alto, Napoli. Le due città accomunate dalla ricerca e dalle attività del colosso mondiale della I-communication. Apple apre a Napoli il primo Centro di sviluppo app d'Europa per garantire ai futuri addetti ai lavori, sviluppatori e programmatori app per lo più, un approfondimento di natura specialistica per la formazione di profili di un certo livello. Apple rappresenta una grande opportunità di specializzazione e ad attirare la platea di sviluppatori ci sono i numeri da capogiro dell'azienda che procura lavoro interno a più di 1,4 milioni di persone. Il motivo per cui Apple guarda con interesse la scena europea è spiegato da Tim Cook, Ceo di Apple: "L'Europa è la patria di alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo e siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad acquisire le competenze necessarie per avere successo". Il Centro di Sviluppo App iOS sarà sistemato in un istituto partner a Napoli e l'iniziativa non si ferma qua, ma proseguirà in tutto il vecchio continente. (fonte: Il Mattino)