Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Gigione, campione della musica campagnola campana

Gigione
Jeans, maglietta, cappellino e zazzera
Conoscete Gigione? E’ uno dei campioni dell’intrattenimento televisivo Trash, cantautore di diverse canzoni, protagonista di diversi spettacoli tv.
Luigi Ciavarola, vero nome di Gigione, a Boscoreale, un piccolo paese del vesuviano ed è attivo già dagli anni ‘70 in Campania, spingendosi fino al basso Lazio.
Nel primo periodo la sua attività musicale produce successi rock scanzonati, ma la seconda metà degli anni ottanta segna la trasformazione.
La sua musica leggera, “frizzantina” come ama egli stesso definirla, assume tinte sempre più boccaccesche. Quest’ultimo particolarmente vivo in svariati brani come “Te si mangiata 'sta banana”, versione del brano dance The Rhythm of the night dei Corona.
Siamo nell’Italia degli anni '80, quella del boom delle televisioni libere (e abusive - perché non ancora normate). E’ in quel periodo che le sue apparizioni televisioni locali aumentano e diventa lui stesso presentatore di trasmissioni interagendo con il pubblico da casa.
Campagnolo, trash-godereccio-sentimentale, difficile definire il genere musicale di Gigione.
Il suo stile, viceversa, diventa molto riconoscibile: con jeans, maglietta, cappellino e zazzera. Fino ad approdare a un tono musicale più intimistico. Grazie al brano "Padre Pio" partecipa addirittura ad una puntata del Maurizio Costanzo Show.
E’ negli anni novanta che decide di farsi affiancare dal figlio, presentato al pubblico col nome e assieme  spopolano nelle feste popolari. Quelle scritte da Jo Donatello, invece hanno un tema più sentimentale.
Ricalcando il successo sempreverde degli cantanti neomelodici, Jo Donatello si rivolge alle più giovani, cantandone i  primi amori e  turbament.. Esibendosi sia in coppia che da solisti, molte loro canzoni hanno sia una versione ad una voce che a due. E sulla scia del successo, nel 1993 si lancia in un tour negli Stati Uniti.
Grazie alle varie tv satellitari che li ospitano nei palinsesti che coprono le diverse feste popolari del sud Italia, Gigione e figlio toccano coi loro tours il mezzogiorno e l’estero dove è forte la presenza italiana.

Tags: Arte e cultura