Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Daft Punk - Tutto ebbe inizio a Pompei

Daft Punk - Pompei
La storia del duo electro francese iniziò a Pompei con una mini tastiera
Pompei, terra mitica e culla di talenti. Qui nacquero i Daft Punk, a qualche decennio dall'indimenticabile passaggio dei Pink Floyd. Non avremmo mai osato pensare una cosa simile! 
"Lì scrivemmo le prime canzoni" - il duo francese ha rilasciato un'intervista al celebre magazine "Rolling Stone" in cui si parla degli albori della coppia e dei primi pezzi scritti insieme Nel mitico spazio degli scavi di Pompei Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter divennero i Daft Punk.

Mentre il mondo ballava House, i due si concentravano nella ricerca di un sound nuovo, tecnologico e ballabile. La scena dance ne avrebbe risentito nel decennio successivo. «Quando siamo tornati in Francia le abbiamo registrate su una tastiera Casio» E non furono certo i primi a lasciarsi influenzare dalle atmosfere sospese di una terra senza tempo come Pompei: negli anni '70 capitò ai Pink Floyd, che eseguirono "Echoes" tra le rovine della città sommersa dalla cenere, consegnando quell'esperienza alla storia. Ma torniamo ai nostri tempi.

Ecco qualche stralcio dell'intervista rilasciata da Daft Punk a Rolling Stone: "ci siamo conosciuti in terza media. Alla fine dell'anno ci hanno portato in gita a Pompei e durante il viaggio abbiamo cominciato a scrivere canzoni. Quando siamo tornati le abbiamo registrate su una tastiera Casio. In pratica era italo-disco fatta da due 12enni".

I pezzi nati a Pompei non sono più reperibili, purtroppo. Ad oggi esiste solo un registrato dal papà di uno dei due mentre eseguono quelle canzoni nate i colonnati delle ville classiche e antichi bagni termali.

Tags: Arte e cultura