Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Leonardo a Donnaregina - I Salvator Mundi per Napoli

a partire da 9.223.372.036.854.775.808,00 EUR
12 Gennaio 2017 09:30 – 31 Marzo 2017 16:30
Museo Madre
Mostre e fiere
LeonardoSalvatorMundi
Nata da un'idea del Prof. Carlo Pedretti, direttore dell’Armand Hammer Center for Leonardo Studies presso l’Università della California (U.C.L.A.), la mostra Leonardo a Donnaregina – I Salvator Mundi per Napoli è stata inaugurata mercoledì 11 gennaio, alle ore 17.00, da S.E.R. Il Cardinale Crescenzio Sepe e dal presidente della Regione Campania On. Vincenzo De Luca.
Napoli si pone al vertice degli appuntamenti internazionali con l'arte, partecipando al dibattito sugli studi vinciani, attraverso l' esposizione della preziosa tavola col Salvator Mundi (ex collezione del Marchese De Ganay), capolavoro del maestro di Vinci e della sua bottega, e di altri dipinti del appartenenti al proprio atelier.
Tra i dipinti risalta il Cristo Benedicente, del Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, per la prima volta presentato con una attribuzione al pittore Girolamo Alibrandi di Messina; così come è iconograficamente notevole la Tavola col Cristo fanciullo del Salaì, il giovane collaboratore di Leonardo, accompagnata da svariati lavori di pittura di allievi di stampo leonardesco.
In esposizione anche tre illustri fondi grafici: il Codice Corazza (1640 circa), proveniente dalla Biblioteca Nazionale di Napoli; il Codice Fridericiano, custodito presso la Biblioteca di Area Umanistica dell’Università Federico II; e, infine, il testo Napoli antica e moderna (1815), redatto dall’Abate Domenico Romanelli.