Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Carlo III e le antichità - Napoli, Madrid e Città del Mexico

a partire da 9.223.372.036.854.775.808,00 EUR
14 Dicembre 2016 17:00 – 16 Marzo 2017 21:00
Museo Archeologico Nazionale
Mostre e fiere
carloIII
La mostra "Carlo III e le antichità" è incentrata sulla figura di Carlo di Borbone come divulgatore di importanti ed attuali scoperte archeologiche, attraverso i volumi prodotti dalla Stamperia Reale, di cui è il fondatore.
Il restauro di 200 delle oltre 5000 matrici custodite dal Museo Archeologico Nazionale, è stato completato nel 2015 dall’Istituto Centrale per la Grafica.
Sarà l'occasione per approfondire gli aspetti tecnici delle attività di incisione e di stampa, illustrate anche attraverso prestiti della Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli, una delle poche detentrici di tirature originali.
L’iniziativa è realizzata d’intesa con la Real Academia de Bellas Artes di San Fernando di Madrid e l’Academia de San Carlos di Città del Mexico.

Napoli possiede le opere originali, ma Carlo III ne fece fare calchi in gesso, portati a Madrid, quando nel 1759 divenne re di Spagna, per poter rivedere quei capolavori; gli stessi furono inviati anche all'Academia de San Carlos a Città del Messico, per permettere agli studenti di osservare da vicino l'arte antica.